Newsletter e brand reputation: come le email influenzano la reputazione del tuo marchio

26 Agosto 2021Tempo lettura: 4 min.

L’Email Marketing è un ottimo modo per iniziare a fare conoscere la tua azienda e i tuoi prodotti ai tuoi iscritti e inviare loro aggiornamenti. Ma prima di creare la tua newsletter, ecco qualche “dritta” da seguire per evitare di inviare email che possano danneggiare la reputazione del tuo marchio.

Le newsletter sono un fenomeno di marketing sempre più in crescita, che mai come ora sta vivendo un boom di successo. Ma l’Email Marketing, si sa, richiede il rispetto di alcune best practice per essere sfruttato in tutto il suo potenziale. Ricorda sempre che il modo in cui crei e invii la tua newsletter ha un forte effetto sulla reputazione del tuo marchio. E mantenere intatta la tua reputazione è essenziale per far crescere un’attività di successo, oltre a garantire un’elevata deliverability per evitare di finire nella cartella Spam.

Quindi, per assicurarti che la tua strategia di Email Marketing rafforzi il tuo marchio e la fiducia dei tuoi clienti, ecco alcuni consigli sulle newsletter da mettere in pratica.

Invia email solo dopo aver ottenuto l’autorizzazione degli utenti

Niente distrugge la reputazione di un’attività più rapidamente dell’invio di email che vengono percepite come spam. Puoi evitare questa situazione inviando email solo a quegli utenti che ti hanno dato il permesso di farlo. A tale scopo entra in soccorso l’utilizzo di un software di Email Marketing che raccoglie indirizzi email direttamente dal tuo sito web tramite moduli pop-up con campi sulla privacy impostati automaticamente, come i moduli di iscrizione messi a disposizione da MailUp.

Oltrea questo consiglio, un secondo è quello di impostare un sistema di double opt-in. Ciò significa che dopo la registrazione, il tuo nuovo cliente deve fare clic su un secondo messaggio contenente un link di conferma che ti aiuta a verificare la correttezza del suo indirizzo così come il suo reale interesse per i tuoi contenuti. Non tutti faranno clic sul link di conferma, quindi perderai alcuni potenziali clienti. Ma non disperare. Pensa infatti che coloro che confermano di voler avere tue notizie saranno realmente interessati a ricevere la tua newsletter, facendo aumentare il successo delle tue campagne.

pop-up di iscrizione MailUp

Segmenta il tuo pubblico

Un altro ottimo modo per assicurarti che la tua newsletter venga letta in gran parte da persone realmente interessate è segmentare la tua lista di indirizzi email. La segmentazione è una tattica di personalizzazione che aumenta la tua reputazione tenendo conto delle esigenze delle diverse persone. I tuoi clienti sono tutti individui che hanno preferenze ed esigenze diverse e che quindi si aspettano da te tipi di contenuti diversi.

Puoi utilizzare strumenti di Email Marketing come quelli forniti da MailUp per segmentare il tuo pubblico in base ai dati demografici o alle precedenti attività di navigazione. I servizi di email marketing come MailUp ti aiutano a raccogliere statistiche e dati in modo da sapere esattamente cosa un determinato segmento di utenti si aspetta da te. In conseguenza a ciò, più persone apriranno e leggeranno le tue email. Come diciamo sempre: il successo parte dal tuo database!

modcloth esempio email segmentazione

Spingiti oltre con la personalizzazione

Un approccio incentrato sull’utente migliora l’immagine del tuo marchio perché dimostra che tieni in grande considerazione i tuoi clienti e alla loro esperienza con te. Uno dei modi migliori per garantire un’esperienza personalizzata ai tuoi clienti è porre loro alcune domande al momento dell’iscrizione. Chiedi informazioni su età, sesso, luogo di residenza per rendere più facile la successiva segmentazione.

MailUp dispone di un’ampia gamma di strumenti, come campi e contenuti dinamici, che ti aiuteranno a personalizzare le campagne e a mostrare al tuo pubblico solo prodotti, notizie e contenuti rilevanti per loro. 

La segmentazione delle email: strumenti e attività per inviare email rilevanti per ciascun destinatario.

Presentati nelle email di benvenuto

La prima impressione è quella che conta. Guadagna un forte impatto sui tuoi clienti fin da subito per evitare di finire nella cartella spam. Uno dei modi migliori per fare una buona prima impressione è inviare una classica email di benvenuto. L’importante è far capire ai tuoi clienti che iscrivendosi alla tua newsletter hanno fatto la scelta giusta. Puoi iniziare distribuendo buoni sconto sui tuoi prodotti durante le occasioni più redditizie. Oppure puoi semplicemente parlare del tuo marchio, raccontare la tua storia e ricordare a chi legge cosa rappresenti. Se fai tutto questo prima di provare a vendere qualcosa all’utente, la tua reputazione e il tuo valore cresceanno di conseguenza.

welcome email esempio

Inserisci la tua brand identity nelle email

L’aspetto delle tue email ha un forte impatto su come gli iscritti alla newsletter si pongono riguardo alla tua azienda. Questo perché loghi, grafica e colori del tuo marchio creano un senso di familiarità con il tuo business. Infatti, il riconoscimento del marchio è il fattore più importante per aumentare il tasso di apertura di una campagna email. Nel tempo i tuoi follower sviluppano una forte relazione con l’immagine del tuo marchio. E fai attenzione, non ci sono solo colori e loghi. Ogni dettaglio conta. I caratteri, le dimensioni del testo e le immagini possono trasmettere la meravigliosa personalità del tuo marchio. Quindi studia ogni dettaglio nelle tue newsletter. Il tuo marchio saprà generare un senso di affidabilità e coerenza.

consumer email tracker sondaggio

Fonte: 2021 Consumer Email Tracker della UK Data Marketing Association

Il tono delle newsletter

Se vuoi interagire con il tuo pubblico in modo efficace, devi usare testi adatti. Le parole possono avere molto valore. Trova un tono di voce specifico per i, tuo business e con cui le persone possono identificarsi. Di cosa parla il tuo marchio? Vuoi trasmettere un tono sofisticato? O un tono più divertente? Fai chiarezza su cosa vuoi che il testo trasmetta in relazione al tuo marchio e potrai avere un certo controllo su come i tuoi destinatari percepiscono il tuo brand.

Conclusioni

Qual è l’obiettivo principale della tua attività di Email Marketing? Vendere, giusto? Ma per generare le maggiori entrate possibili, devi curare la tua reputazione. Segui le linee guida di questo articolo per assicurarti che le tue newsletter raggiungano il pubblico più numeroso possibile e che tutti siano interessati ad ascoltarti. Solo i clienti più coinvolti acquisteranno da te. Non solo: questi clienti inizieranno a “fare marketing” per te. Fai uno sforzo per creare un’ottima reputazione tra i tuoi iscritti e presto inizieranno a parlare del tuo brand con i loro amici e familiari. Cosa c’è di meglio? 

Hai altri suggerimenti da condividere nell’ambito dell’Email Marketing? Scrivili tra i commenti. Siamo sempre alla ricerca di cose nuove da imparare!

Questo articolo è stato scritto da

Thomas Glare

Thomas Glare

Thomas Glare è un content writer freelance, impegnato a fornire ispirazioni e a far conoscere le infinite possibilità del digitale. Il continuo aggiornamento delle sue conoscenze è un aspetto per lui fondamentale.

Articoli correlati