NEWS

MailUp dà il benvenuto a Contactlab nel gruppo Growens

LEGGI LA NOTIZIA

Che cos’è (e come funziona) una Customer Data Platform?

15 Aprile 2022Tempo lettura: 6 min.

Se hai un’attività online, ogni giorno raccogli enormi quantità di dati sui tuoi clienti: demografici, comportamentali, di acquisto e molti altri. Purtroppo, però, queste informazioni non sono quasi mai messe in relazione tra loro e, a causa di ciò, la tua azienda perde grandi opportunità di conversione. Una Customer Data Platform (CDP) può cambiare le cose, scopri come in questo articolo.

Le strategie di marketing più evolute sfruttano i dati degli utenti per creare user experience personalizzate, altamente performanti. Molte aziende, oggi, si servono degli scenari messi a disposizione dai Big Data per calcolare una moltitudine di variabili e determinare le metriche associate ai clienti, ma le informazioni più preziose sono quelle fornite dai dati proprietari, ovvero su clienti reali dell’azienda. 

Tutte le aziende dispongono di questo tipo di informazioni: dal sito Web alle app, passando per social media e annunci a pagamento, la raccolta di dati è sistematica e costante

Secondo il report State of Marketing di Salesforce (2021), i marketer B2B utilizzano una media di 12 fonti di dati sui clienti e i marketer B2C nove.

La chiave del successo di questo approccio sta nella raccolta strutturata e organizzata di tutti i dati disponibili in un unico posto, col fine di creare profili utente precisi. Questa possibilità è offerta dalle CDP, o Customer Data Platform.

Una Customer Data Platform (CDP) è un software che combina i dati di più strumenti per creare un unico database clienti centralizzato, contenente i dati di tutti i vari punti di contatto e le interazioni con il tuo brand o i tuoi prodotti. 

Tale database può essere segmentato secondo diversi criteri per creare campagne di marketing personalizzate.

A cosa serve una CDP?

Una Customer Data Platform raccoglie in un unico posto tutte le informazioni provenienti dai vari punti di contatto con l’utente (motori di ricerca, sito Web, social media, email, e-commerce, adv, ecc…), elimina le informazioni che non sono rilevanti o che sono duplicate (perché provenienti da canali diversi che raccolgono alcuni dati identici) e crea un profilo completo e unico del consumatore. 

Una volta creati questi profili utente, la CDP consente ad altre tecnologie, come il Machine learning e l’IA, di accedervi e di arricchire quei profili con dati esterni, contribuendo a creare campagne di marketing ancora più efficaci.

Le CDP si caratterizzano per la loro versatilità in quanto a quantità e tipi di dati che sono in grado di raccogliere e gestire, e per la possibilità di scambiare informazioni con altri sistemi, anche all’interno della stessa azienda. 

Ad esempio, grazie ad una Customer Data Platform, le informazioni in possesso del dipartimento di marketing possono essere integrate con quelle raccolte dal dipartimento di vendite o di attenzione al cliente, fornendo una visione molto più ampia dell’utente.

Scopri le potenzialità della Customer Data Platform di Contactlab, l’azienda italiana che è entrata a far parte del gruppo Growens di cui MailUp è parte!

Collezionare i dati dei clienti 

La CDP ti aiuta a raccogliere e memorizzare in un unico posto tutte le informazioni che puoi ottenere attraverso i vari punti di contatto con l’utente. La Customer Data Platform funge, quindi, da grande contenitore di informazioni complete sugli utenti online e sui loro comportamenti, indipendentemente dalla piattaforma o dallo strumento che ha raccolto il dato.

Gestire i dati dei clienti

La CDP unifica tutte le informazioni disponibili in modo che siano più facili da gestire. In particolare, permette di realizzare facilmente segmentazioni precise attraverso cui personalizzare le campagne di marketing.

Attraverso una Customer Data Platform, qualsiasi azienda può gestire i propri dati in modo ottimale, creando anagrafiche dei clienti più complete e precise. Grazie ad una visione più ampia ma specifica di ogni cliente, l’azienda sviluppa migliori campagne di marketing.

Analizzare i dati dei clienti

Avere tutti i dati in un unico posto ne facilità anche l’analisi e l’interpretazione, fondamentali per trarre conclusioni più esatte sui clienti e le loro esigenze. 

La CDP collauda i vari target group/segmenti attraverso A/B test con creatività e messaggi diversi. Monitora quindi i risultati ottenuti e valuta l’efficacia della campagna in base agli obiettivi aziendali. I risultati ottenuti permettono alla CDP di selezionare le campagne più performanti.

Come funziona una Customer Data Platform? 

Le CDP hanno bisogno dei dati dei clienti per funzionare. Per la maggior parte dei casi, questi dati si presentano sotto forma di dati proprietari, ovvero dati raccolti dall’azienda e utilizzati solo internamente.

Questi dati hanno il pregio di essere più precisi e coerenti rispetto, ad esempio, ai dati di terze parti, che le aziende acquistano e/o condividono con altre aziende. 

Attraverso un processo chiamato Customer Data Integration (CDI), le CDP trasformano i dati proprietari in insights utili. L’integrazione dei dati dei clienti è ciò che consente alla CDP di essere operativa. 

Esistono diversi tipi di integrazione dei dati ma, principalmente, le CDP utilizzano il metodo del consolidamento: i dati vengono prelevati da più origini di dati e poi archiviati in un data warehouse centrale.

Il processo di Customer Data Integration combina quindi i dati dei clienti provenienti da diversi database e li organizza in un’unica forma utilizzabile per un’analisi più nitida.

CDP: cosa cambia rispetto a un CRM o a una DMP?

L’unificazione coerente dei dati e la maggiore efficienza operativa sono le due caratteristiche che distinguono le CDP da altri sistemi di raccolta dei dati dei clienti, come i CRM (Customer Relationship Management) e le DMP (Data Management Platform).

Differenze con un CRM

Le CDP, sebbene raccolgano e permettano di gestire i dati dei clienti, non sono dei CRM. I Customer Relationship Management, infatti, aiutano le aziende a organizzare e gestire le interazioni rivolte ai clienti, ma non raccolgono dati comportamentali su come i clienti interagiscono con il tuo prodotto o servizio.

Differenze con una DMP

Le Customer Data Platform non sono sovrapponibili nemmeno alle Data Management Platform. Le DMP (link: customer data platform vs data management platform) vengono infatti utilizzate solo per la pubblicità e non permettono di raccogliere dati generalizzati con cui creare profili di consumatori completi per personalizzazione le attività di marketing di un’azienda.

Customer Data Platform: i vantaggi per il Marketing 

Oltre a darti una visione completa del tuo cliente, ci sono altri 4 grandi vantaggi di marketing che puoi ottenere grazie a una CDP:


1. Dati più precisi 

Una CDP migliora la qualità dei dati. Collegandosi a tutte le fonti di dati disponibili (dette silos perché disconnesse tra loro), estrae i dati e li prepara in un formato standardizzato o normalizzato. Ne corregge poi le imprecisioni, ripulisce i record e integra le informazioni mancanti, migliorando, di fatto, i dati in possesso della tua azienda. 

Questo ti fornisce informazioni più affidabili che, a loro volta, ti consentono di prendere decisioni di marketing migliori e più informate.

2. Segmentazione 

La CDP consente di raggruppare gli utenti con qualsiasi combinazione di dati demografici, geografici, transazionali e comportamentali, creando infiniti micro-cluster iper profilati. In questo modo, il messaggio e la proposta inviati a ciascun segmento del database sono sempre coerenti, risultando più efficaci.

Puoi anche creare campagne specifiche per i nuovi utenti, per quelli che hanno visualizzato una categoria di prodotti determinata, o per gli utenti con budget inferiore a 100 euro, ad esempio. 

Le opzioni di segmentazione sono potenzialmente infinite!

3. Engagement 

I dati dei tuoi clienti, trasformati ed elaborati dalla CDP, possono essere utilizzati per creare esperienze di acquisto personalizzate e aumentare il coinvolgimento dei clienti. 

Grazie alla CDP, infatti, hai a disposizione informazioni in maggior quantità e di miglior qualità, più facilmente accessibili all’intera organizzazione. 

Questo ti permette di valutare in modo preciso qual è l’esperienza del cliente con l’ambiente, il brand e le azioni di marketing. In base a ciò, il team di marketing, così come quello di vendite o del customer care, possono sviluppare strategie e azioni più coinvolgenti dal punto di vista dell’utente e ottenere migliori risultati.

4. Fidelizzazione

Con una panoramica più ampia sulla base di dati in possesso dell’azienda, profili clienti più precisi e campagne di marketing personalizzate più coerenti e coinvolgenti per gli utenti, la CDP assicura una maggiore fidelizzazione dei clienti, che si sentono allineati al brand.

Conclusioni: vale la pena implementare una CDP?

Le Customer Data Platform sono la chiave per comprendere i tuoi clienti e le loro esigenze, aumentando il valore dei dati che raccogli quotidianamente attraverso vari canali e piattaforme. 

Combinando tutti gli input di cui già sei in possesso, puoi trasformarli in informazioni precise e complete sui tuoi utenti. Questa nuova conoscenza ti permetterà di migliorare le tue azioni di marketing, le tue vendite e persino lo sviluppo dei tuoi prodotti.

Questo articolo è stato scritto da

Valentina Pacitti

Valentina Pacitti

Mi occupo di Digital marketing dal 2013, con un’attenzione particolare ai contenuti e alle strategie di posizionamento organico. Come Copywriter e specialista in contenuti per il web aiuto le aziende a farsi trovare online e a esprimere tutto il loro valore attraverso i testi.

Articoli correlati