NEWS

MailUp dà il benvenuto a Contactlab nel gruppo Growens

LEGGI LA NOTIZIA

I 20 migliori strumenti di Growth Hacking per far crescere la tua azienda

31 Marzo 2022Tempo lettura: 6 min.

Hai deciso di usare il Growth Hacking per accelerare la crescita della tua attività? In questo caso devi conoscere gli strumenti che ti permettono di raggiungere rapidamente l’obiettivo. Abbiamo raccolto per te una lista di 20 tool di Growth Hacking con cui gestire le principali attività di una strategia di marketing digitale: Email Marketing, lead generation, social media marketing, blog posts e gestione di un e-commerce. Provali e scegli gli strumenti più adatti alla tua azienda.

Che cos’è il Growth Hacking? Un rapido ripasso

Il Growth Hacking è una strategia di marketing data-driven introdotta da Sean Ellis e nata nella Silicon Valley che utilizza una rapida sperimentazione e tattiche a basso budget per determinare i modi più efficaci per far crescere un’azienda. 

Il termine Growth Hacking può, quindi, essere usato per qualsiasi strategia di digital marketing che ha come obiettivo una crescita consistente in un lasso di tempo ridotto. Riguarda soprattutto le start-up che si trovano in una fase iniziale del loro percorso e della loro marketing strategy ma, come mindset, può essere utilizzato anche nelle fasi successive, da piccole e grandi aziende di ogni settore.

Il Growth Hacking funziona? Il caso di Netflix: +4 milioni di nuovi abbonati in un trimestre

Netflix è stata fondata nel 1997 ed è attualmente una delle piattaforme di intrattenimento leader nel mondo. I suoi servizi costituiscono quasi il 15% di tutta la larghezza di banda Internet mondiale. 

Grazie al Growth Hacking, Netflix ha aggiunto 4 milioni di nuovi abbonati alla propria base nel primo trimestre del 2021. La piattaforma ha così raggiunto un totale di 207,64 milioni di abbonati a pagamento in tutto il mondo. I margini operativi di Netflix sono balzati al 16,6% e poi al 22% durante il secondo trimestre, indicando una crescita più rapida della redditività dell’azienda nel breve periodo.

Growth Hacking: i tools per far crescere la tua azienda

Ci sono infiniti modi per favorire la crescita di un’attività, ma solo alcuni funzioneranno per la tua azienda. Per trovare quelli giusti, la figura del Growth Hacker deve ragionare sulle caratteristiche del suo pubblico e sui meccanismi specifici di attivazione della sua piattaforma. Una volta chiariti i percorsi che porteranno l’utente verso la propria azienda e le tecniche di Growth Hacking da mettere in atto, potranno essere sfruttati i tool che faciliteranno tutte le attività di Growth Hacking e faranno innalzare i conversion rates.

Tools di Growth Hacking: cosa sono e a cosa servono

Un growth hacker ha una mente creativa e una perfetta conoscenza del prodotto e della sua distribuzione ma questo non basta: per implementare le tecniche di Growth Hacking è necessario padroneggiare la tecnologia. 

Questo significa che devi avere nel tuo team la figura professionale del programmatore per fare Growth Hacking? In realtà no, perché oggi il mercato mette a disposizione centinaia di strumenti che permettono di creare landing pages, realizzare a/b test, inserire form, banner e altro su un sito Web o un’app, senza dover scrivere una linea di codice. 

Se sei pronto a far partire la tua strategia di Growth Hacking, prosegui la lettura e scopri 20 utilissimi tool che abbiamo selezionato per te, divisi per obiettivo di marketing.

Tool di Growth Hacking per fare Email marketing

1. MailUp for WordPress: questo plugin ti aiuta a raccogliere iscritti per le tue campagne email, SMS e newsletter. Oltre a poter gestire e segmentare i contatti raccolti, hai a disposizione uno strumento che mette in comunicazione, automaticamente, la piattaforma di invio di MailUp con il tuo CMS.

2. Lemlist: se una campagna richiede l’invio di email a freddo, assicurati almeno che queste siano accattivanti e personalizzate. Con questo strumento potrai dare un tocco personale alle tue email aggiungendo immagini, video e tag personalizzati. Inoltre, Lemlist automatizza le email di follow-up e quelle di link building, convertendosi in un tool di Growth Hacking capace di fare la differenza nella tua strategia di generazione del traffico. 

3. Vero: con questo tool puoi inviare email basate sul comportamento degli utenti sul tuo sito Web. Ad esempio, se dopo aver selezionato alcuni prodotti dal tuo e-commerce, l’utente abbandona il carrello prima del checkout, puoi inviargli un’email di promemoria o stimolarlo con una promozione. Lo strumento ti permette di inviare messaggi multicanale in tempo reale e creare automazioni senza dover scrivere codice.

4. Moosend: se cerchi un tool di Growth Hacking semplice ed efficiente, Moosend ti sorprenderà gratamente. Ha un’interfaccia user friendly, decine di funzionalità e un editor di email drag-and-drop per creare in pochi passaggi email, landing pages e automazioni di marketing con cui far crescere la tua base utenti.

5. Klaviyo: questo tool si collega ai dati dei tuoi clienti per inviare newsletter ed email automatiche personalizzate. Klaviyo ti permette di andare oltre le aperture e i clic per vedere come le email che invii influenzano il conversion rate.

Per approfondire l’argomento, puoi leggere il post 20 tecniche di Growth Hacking per l’Email Marketing.

Tool di Growth Hacking per Lead generation e Customer Acquisition

6. MailUp: per generare lead e acquisire nuovi clienti rapidamente, hai bisogno di uno strumento che ti permetta di raccogliere i contatti degli utenti che visitano i tuoi canali in modo centralizzato, per poi segmentare quei contatti e inviare loro comunicazioni mirate. La piattaforma di MailUp fa tutto questo: puoi creare form di iscrizione personalizzati, landing page e squeeze page, impostare liste di contatti, programmare invii automatici in base alle caratteristiche dei destinatari e poi analizzare le conversioni dei tuoi invii.

Qui hai la possibilità di provare gratuitamente la piattaforma per 30 giorni. 

7. Hello Bar: attraverso le varie funzionalità di questa piattaforma potrai convertire l’83% in più di visitatori in lead, iscritti e acquirenti. Come? Sfruttando tutti gli strumenti che Hello Bar mette a tua disposizione: barre orizzontali nell’header o nel footer che scorrono con i tuoi visitatori, moduli, notifiche e slider, ciascuno personalizzabile con i colori del tuo brand e pulsanti di invito all’azione (CTA) coerenti con il tuo prodotto o servizio. 

8. Totango: tool di Growth Hacking imprescindibile per aumentare la base utenti della tua attività. Totango ti consente di progettare il customer journey degli utenti sul tuo sito Web e guidare i visitatori a sperimentare il tuo prodotto, aumentando le possibilità di conversione. Il tool permette di partire da modelli pronti all’uso, quindi può essere utilizzato anche da marketer con poca esperienza.

9. Optimizely: aumenta il coinvolgimento, le interazioni e le conversioni sul tuo sito Web con questo tool di Growth Hacking data-driven che semplifica i test a/b.

10. Clicktale: strumento di analisi della user experience su siti Web e app. ClickTale ti permette di comprendere le motivazioni dei comportamenti degli utenti, collegando le metriche alle azioni effettive dei clienti e combinando la potenza di dati avanzati, machine learning e intelligenza umana per ottenere risultati migliori. Questo strumento ti mostra mappe di calore potenti e intuitive, che misurano clic, profondità di scorrimento, coinvolgimento e molto altro.

Tool di Growth Hacking per i Social Media

11. Woobox: ottimo strumento per creare e gestire concorsi, foto e video contest, giveaway e sondaggi con cui aumentare i follower sui social media. Questo tool colma il divario tra la lead generation e la generazione di seguaci sui social, incentivando l’adesione degli utenti alle campagne del brand direttamente sui post pubblicati sulle piattaforme di social media.

12. StoryChief: questo tool è interessante perché riunisce tutti i tuoi contenuti in un unico posto e permette ai tuoi dipendenti di ampliare la portata del tuo brand, condividendo contenuti professionali sui loro social network.

13. Zoho Social: tool di gestione dei social media per aziende e agenzie, permette di pianificare post illimitati, sfruttare le previsioni sul momento migliore per pubblicare contenuti, monitorare le metriche di prestazioni ed engagement più significative e creare report personalizzati.

14. SocialPilot: piattaforma completa di gestione dei social media, consente di pianificare un singolo post più volte e programmare facilmente i post su tutte le principali piattaforme social, inclusi i gruppi di Facebook, le bacheche di Pinterest, TikTok e altro da un’unica posizione. Il suo strumento di analisi fornisce informazioni chiare e utili e permette di creare, scaricare e inviare via email report white-label ai tuoi clienti.

15. Highlight and Share: questo plugin aumenta il tuo traffico semplificando la condivisione dei tuoi contenuti. Con questo plugin per WordPress, i visitatori del tuo sito Web o blog possono evidenziare qualsiasi parte dei tuoi contenuti e condividerli immediatamente su Facebook, Twitter, LinkedIn, Xing, WhatsApp, Telegram, Reddit o via email.

Se vuoi approfondire l’argomento, leggi il post 10 tecniche di Growth Hacking sui Social Network.

Tool di Growth Hacking per e-commerce

16. ViralLoops: con questo tool puoi aumentare le vendite del tuo negozio Shopify grazie al potere del passaparola e a un programma di referral. ViralLoops ti permette infatti di premiare i tuoi visitatori che parlano di te ai loro amici con coupon da utilizzare al loro prossimo acquisto. In questo modo, aumenti il traffico verso il tuo e-commerce, espandi la tua brand awareness presso nuovi segmenti di pubblico e incrementi le possibilità di conversione.

17. HumCommerce: plug-in gratuito per la registrazione dei visitatori e l’ottimizzazione del tasso di conversione sui siti e-commerce realizzati con WordPress (WooCommerce). HumCommerce registra le schermate dei visitatori mentre questi interagiscono con il tuo sito Web, rilevando i movimenti del mouse, gli scroll, i tocchi, ecc. Ma non solo: il tool seleziona e ti mostra le registrazioni che richiedono la tua attenzione, ovvero quelle che potrebbero indicare i problemi che impediscono le conversioni sul tuo sito.

18. Google Analytics: nell’elenco dei migliori tool per fare Growth Hacking per l’e-commerce non poteva mancare il tool principe di Google. Analytics è uno strumento straordinario, che oltre a fornire dati sul traffico di un sito e mostrare le caratteristiche demografiche dei suoi visitatori, permette di tracciare le conversioni di un negozio online e creare funnel personalizzati. GA è un tool di Growth Hacking gratuito e facile da usare.

19. Consumer Barometer: è lo strumento di Google che fornisce alle attività e-commerce le informazioni sui consumatori online di cui hanno bisogno per prendere decisioni aziendali più informate. Puoi consultare dati su oltre 50 paesi e 20 categorie di prodotti e creare grafici personalizzati facili da esportare. 

20. Fomo: questo tool di Growth Hacking ti permette di aumentare le conversioni del tuo e-commerce sfruttando la riprova sociale. Il tool ti rivela in tempo reale le recenti interazioni dei clienti sul tuo sito Web. Bastano pochi minuti per incorporare il widget e connettere centinaia di servizi tramite Zapier o API.

Conclusioni

Il Growth Hacking è un processo di sperimentazione continua che, attraverso un meccanismo di prova-errore, permette di trovare le soluzioni più convenienti per raggiungere il maggior numero possibile di clienti.

Con i tool di Growth Hacking puoi esplorare nuove strade per far crescere la tua attività e avere in ogni momento una visione dettagliata di ciò che influenza la tua base utenti. Comincia ad esplorare la vastità di questo mondo testando i 20 strumenti presentati in questo articolo e poi prosegui la tua ricerca: i tuoi tool preferiti cambieranno nel tempo, perché le tecnologie evolveranno, così come le dinamiche di relazione con gli utenti.

Ricorda che per diventare un growth hacker di successo la tua mente deve essere sempre aperta e ricettiva alle novità del settore, quindi non smettere mai di testare e di percorrere nuove strade.

Questo articolo è stato scritto da

Valentina Pacitti

Valentina Pacitti

Mi occupo di Digital marketing dal 2013, con un’attenzione particolare ai contenuti e alle strategie di posizionamento organico. Come Copywriter e specialista in contenuti per il web aiuto le aziende a farsi trovare online e a esprimere tutto il loro valore attraverso i testi.

Articoli correlati