Non perderti una notizia!

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Sì, voglio ricevere aggiornamenti sulla formazione e sugli eventi di MailUp.
Ricevi aggiornamenti
su Messenger
6 min.
  • 12

A pochi giorni dall’uscita del white paper dedicato al retail, vogliamo rivolgere lo sguardo a quel canale che in Italia si sta sempre più consolidando come strumento complementario allo store fisico: l’e-commerce, che negli Stati Uniti sta facendo strage di negozi e centri commerciali.

Nonostante l’e-commerce B2C in Europa cresca del 15% anno su anno, sappiamo anche che in Italia in nove casi su dieci il consumatore italiano si informa sul web prima di fare un acquisto, ma poi si reca al punto vendita per finalizzarlo.

Sia come strumento informativo sia come canale di acquisto, l’e-commerce è uno strumento fondamentale per chiunque venda prodotti o servizi. Per questo oggi vogliamo far luce su cinque attività chiave per avviare e ottimizzare uno store online, approfittandone per offrirti un 10% di sconto sul Corso in eCommerce Management di Ninja Academy, un percorso formativo per comprendere la piattaforma da utilizzare, i possibili modelli di business, le tecniche di analisi, gli aspetti gestionali.

Scarica l'ebook

1. Crea un ecosistema digitale

Espressione ormai entrata nel lessico del digital marketing, ecosistema digitale indica un ambiente in cui si svolgono interazioni, flussi e scambi, in equilibrio dinamico.  Le attività di un e-commerce partono proprio dall’integrazione tra i diversi sistemi e  applicazioni: database esterni, CRM, CMS, ERP, sistemi di Business Intelligence, piattaforme di email advertising devono saper dialogare tra loro, in una continua condivisione e aggiornamento di dati e informazioni, per evolvere l’ecosistema in termini di conoscenze e abilità.

L’integrazione permette la sincronizzazione dei dati sul singolo cliente, creando un tessuto unico e superando una visione a compartimenti stagni. Non si tratta di mera utilità gestionale degli strumenti, ma di implementazione di tecniche avanzate di marketing. La sincronizzazione dei dati prepara infatti il terreno alle attività di segmentazione e profilazione di un e-commerce: in poche parole, convertire dati e informazioni sul destinatario in comunicazioni personalizzate e rilevanti, con un potenziale di conversione in acquisto esponenzialmente maggiore.

La sincronizzazione dei dati passa per i connettori, gli strumenti che consentono l’integrazione e l’aggiornamento tra i diversi sistemi di un e-commerce. Ecco le informazioni che un e-commerce può sincronizzare:

2. SEO: posiziona il tuo store

Il web è unico perché non ha limiti geografici, ma per trarne vantaggio serve migliorare il posizionamento. Inserire centinaia o migliaia di prodotti in un sito web non farà decollare il traffico. Serve fare SEO. Ecco allora alcuni suggerimenti.

LE RICERCHE DI MERCATO
Un’approfondita ricerca di mercato ti aiuta a identificare cosa funziona, cosa non funziona e quali sono le lacune che puoi colmare. Per i siti di e-commerce, sono due le attività fondamentali:

  • Keywords Planning
    Meglio 300 visite al giorno di utenti interessati piuttosto che 3.000 visite al giorno di utenti capitati per caso. Come individuare allora il target giusto? Parola d’ordine, keyword, per la cui ricerca esistono diversi tool, sia gratuiti (Google Keyword Planner) che a pagamento (Long Tail Pro). Attenzione però all’overload di keywords, cioè parole chiave sono molto simili tra loro (per esempio “i migliori alimenti per cani”, “il miglior alimento per cani”): sono da rimuovere; all’opposto vanno invece valorizzate le parole chiave a basso, cioè quelle cosiddette a coda lunga, che presentano volumi di ricerche mensili medio bassi. Potresti pensare che non valga la pena, ma permettono comunque di aumentare il traffico verso il sito.
  • Analisi dei competitors
    Per dominare il tuo settore devi sapere cosa stanno facendo i tuoi concorrenti, e fare di meglio. Spiare i tuoi concorrenti è facile se sai dove guardare. Open Site Explorer e Ahrefs sono alcuni degli strumenti che puoi utilizzare per controllare i tuoi backlinks. Dai un’occhiata al Domain Authority (DA) e alla Page Authority (PA). In poche parole, DA e PA ti danno un’idea della “forza” di un sito web. Quanto più elevati sono i valori, più potente (in termini di ranking) è il sito web. La maggior parte dei siti ha un valore di DA e PA pari a 20. I valori che sono al di là della media, spesso, sono frutto di cattive pratiche di “link building” che i motori di ricerca puniscono.

ON-PAGE SEO
Per curare e migliorare la SEO di un e-commerce, ci sono cinque punti da tenere bene a mente:

  • Ottimizzazione delle parole chiave, cioè utilizzare una parola chiave (che abbia senso) nelle seguenti parti di una pagina: Titoli, titoli e sottotitoli, Contenuto (include descrizioni dei prodotti), Meta Description, Nomi dei file di immagine e Alt tag, URL.
  • Link interni, che collegano una pagina ad altre pagine del sito. Attenzione però a non esagerare: i motori di ricerca penseranno che state facendo qualcosa di sospetto.
  • Struttura del sito (o sitemap), da curare per impattare al meglio sulla navigabilità e sull’usabilità del sito e quindi di conseguenza su conversioni e ranking.
  • Versione mobile, dal momento che sempre più persone accedono a Internet attraverso tablet e smartphone; per questo ogni sito web deve essere mobile-friendly. Per verificare  che il tuo lo sia, puoi utilizzare Google Mobile Friendly Test.
  • Contenuti e valutazioni dei clienti, per offrire il più valido dei motivi per acquistare da te.

3. Fai remarketing con l’automation

Un’enorme fetta di potenziali acquisti rimane in sospeso: secondo l’ultima ricerca di Baymard, il 69,23% dei carrelli viene abbandonato. Significa che su 100 potenziali clienti, 69 mettono da parte il prodotto e accantonano l’idea di acquistarlo, nel peggiore dei casi dimenticandosene.

Di conseguenza, per alcuni e-commerce sarà importante riproporre al cliente i prodotti consultati (o qualcosa di affine in catalogo), per altri sarà decisivo offrire uno sconto sulla spedizione (per divenire gratuita oltre una certa soglia di spesa). Questo insieme di azioni, già lo saprai, prende il nome di remarketing, per la cui definizione è fondamentale affidarsi a un sistema di Marketing Automation, grazie a cui è possibile mettere a punto un flusso automatizzato che si innesca all’avverarsi o meno di determinati eventi. 

Vediamo una traccia di flusso automatizzato applicato al recupero carrelli:

Un tema che puoi esplorare nell’ebook dedicato, per apprendere gli step strategici per mettere a punto un’organica strategia di Marketing Automation.

4. User experience: gli elementi che puoi migliorare subito

Se un utente non riesce a trovare un prodotto, quell’utente non può comprarlo. Banale ma non troppo, se parliamo di user experience design, quella disciplina che si occupa della progettazione dell’esperienza utente.

Se tutti i siti hanno bisogno di una buona ed efficiente user experience, gli shop online ne richiedono una ancora migliore, visto il tipo di servizio offerto: l’interfaccia di uno store online deve mettere l’utente a proprio agio, eliminando qualsiasi fonte di disturbo o di dubbio che possa distoglierlo dal completare l’attività.

La UX è sempre migliorabile. Per partire, rimandandoti poi agli esperti di Ninja Academy per approfondire la materia, puoi iniziare prestando attenzione alle pagine più importanti del tuo e-commerce. Ricorda che:

  • Le pagine di categoria devono essere ben organizzate e complete fin da subito. Ad esempio, mostrando fin da subito informazioni come prezzo e disponibilità dei prodotti.
  • Le pagine di listing devono offrire una panoramica più completa sulle categorie e sull’offerta a catalogo dei brand.
  • La casella di ricerca deve essere ben funzionante. È stato provato che un utente che utilizza la search box sia più propenso all’acquisto, conoscendo già il prodotto da acquistare.
  • Le selling page devono essere complete di ogni dettaglio, con immagini grandi e descrittive essendo gli unici contenuti con cui l’utente può confrontarsi prima di un acquisto.
  • La procedura d’acquisto deve essere chiara e senza distrazioni: è un momento delicato in cui l’utente deve fidarsi per poter completare l’acquisto.

5. Trova i fornitori giusti e implementa la sicurezza

Per concludere, un aspetto dietro le quinte dello schermo del pc o dello smartphone: il contatto con i fornitori e lo sviluppo di programmi di affiliazione, che consentiranno di vendere attraverso canali differenti e ampliare l’offerta.

Quando valuti se affidarti a uno specifico fornitore per il tuo e-commerce, ci sono alcuni aspetti che dovresti tenere in considerazione, visto che sarà un partner fondamentale per l’attività. Vediamone alcuni:

  • Affidabilità
    Il fornitore deve essere un partner affidabile, rispettare gli accordi, i tempi di consegna, mantenere alti nel tempo gli standard di qualità dei prodotti e dei servizi.
  • Prodotti
    Deve avere una vasta gamma di prodotti, in particolare quelli relativi al segmento in cui operi; deve essere in grado di sostenere nel tempo i tuoi ordini dal punto di vista quantitativo (soprattutto nel caso in cui dovessero crescere).
  • Approvvigionamento
    Gli intervalli di tempo devono essere possibilmente bassi; nel caso si venda in dropshipping, bisogna accertarsi che siano ragionevoli i tempi di evasione dell’ordine e di consegna.
  • Prezzi e ordini
    Dopo aver valutato la convenienza del grossista e considerato il quantitativo d’ordine minimo, cerca in ogni caso di strappare forti sconti nel caso di acquisti di grossi quantitativi.

Per il cliente è fondamentale inoltre sentirsi sicuro prima del fatidico clic sul “Paga ora”. Sapere dove e come migliorare le procedure di sicurezza nell’acquisto – grazie a tool e servizi (Magento ad esempio, che trovi integrato alla piattaforma MailUp) – consente di aumentare rapidamente le vendite, comunicando in modo corretto con i potenziali clienti.

A lezione di e-commerce management

Per passare dalla teoria alla pratica, Ninja Academy ha realizzato il Corso in eCommerce Management, tenuto da due docenti d’eccezione come Daniele Vietri e Giovanni Cappellotto. Un percorso formativo, a cui puoi iscriverti ottenendo uno sconto del 10%, per imparare a:

  • Scegliere la migliore piattaforma di vendita per la tua azienda
  • Equilibrare aspetti gestionali e funzioni aziendali in un progetto di e-commerce di successo
  • Garantire una User Experience coerente e multicanale
  • Acquisire nuovi clienti con le tecniche di Digital Marketing applicate all’e-commerce
  • Progettare una strategia mobile che aumenti le conversioni
  • Comprendere gli aspetti legislativi nel costruire relazioni sostenibili con gli acquirenti online.
Questo articolo è sponsorizzato da Ninja Academy

 

Scarica l'ebook

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

Content marketing vs content caos: 3 consigli per generare engagement

Visual storytelling, guest blogging e 5 tool con cui affinare la strategia di contenuto, lavorando su content creation, pianificazione, curation e diffusione. Lo chiamano content caos, ...

Continua a leggere

Facebook + Email = come migliorare la qualità dei lead

Come si combinano le potenzialità di Facebook con quelle delle email, per migliorare la qualità dei lead in ingresso? Scopriamo le varie possibilità messe a ...

Continua a leggere

Sai trasformare in oro i dati sui tuoi clienti?

Il processo di raccolta e affinazione dei dati dei clienti è detto anche profilazione o enrichment - e non a caso. Grazie all'utilizzo dei dati, ...

Continua a leggere

Search Engine Marketing: 5 consigli per raggiungere clienti e prospect di qualità

Dalla scelta tra strategia Push (display) e Pull (search) fino ruolo fondamentale della landing page: il potenziale del SEM racchiuso in 5 punti. SEO e SEM, ...

Continua a leggere

Come creare un calendario editoriale per l’autunno

Pronti per iniziare l'autunno con il piede giusto? È il momento di dar forma al calendario editoriale da qui alla fine dell'anno: contenuti, attività, distribuzione, ...

Continua a leggere

30+ strumenti utili per fare Content Marketing

Creare, distribuire e promuovere contenuti è un lavoro che richiede strumenti ad hoc, in grado di facilitare e ottimizzare compiti altrimenti lunghi e tortuosi. Ecco ...

Continua a leggere