10 min

Quando si tratta del pulsante CTA, ogni piccola variazione in termini di stile ha un impatto sulle performance. Dopo tutto, la call-to-action di un’email è il motore dell’intera campagna. L’obiettivo è stimolare l’interazione di chi legge con il messaggio, che si tratti della registrazione a un evento, di un acquisto o di approfondire la lettura dei contenuti.

Il colore, in particolare, è una delle caratteristiche più importanti per rendere un bottone CTA visibile e fruibile. Ma come scegliere il colore giusto? Oggi esamineremo come diversi brand scelgono il colore per il bottone CTA e offriremo indicazioni su come migliorare la resa della call-to-action grazie proprio ai colori.

Workshop in aula: Teoria e pratica di Email Design

10 maggio, Milano. 10 posti disponibili
Iscrizioni aperte qui

Come scegliere il colore per la CTA? I due approcci

1. Utilizzare il colore del brand

Spesso, per il pulsante CTA i brand scelgono un colore che corrisponde alla tonalità del logo (che in genere appare nell’header del messaggio).

Quando il blog Really Good Emails ha esaminato tutte le email inviate al sito nel 2016, ha scoperto che il 48% dei brand abbina la CTA a un colore presente nel logo del proprio marchio (si fa riferimento ai loghi non di colore nero o bianco). Ecco come appare un abbinamento di questo tipo:

Come scegliere il colore della CTA: il colore del logo

Il colore del pulsante CTA abbinato a logo/header indica diverse cose:

  • Stabilisce la coerenza di progettazione del tuo messaggio. Quando un colore primario si ripete all’interno di un’email, soprattutto nella parte superiore e inferiore, l’intero messaggio apparirà come equilibrato e uniforme.
  • Rafforza il marchio. Se sei iscritto alla newsletter di Sprout Social, è probabile che anche socchiudendo gli occhi saprai comunque riconoscere una delle loro email, anche sfocata. Il design delle loro email è formattato coerentemente e caratterizzato dal verde del marchio.

2. Abbinare la CTA ai colori del messaggio

Abbinare il logo/header al pulsante CTA del messaggio non è l’unico modo per scegliere un colore. Molti marchi, infatti, utilizzano un colore CTA adatto al contesto di una particolare email o campagnaMoo, l’azienda di biglietti da visita, cambia spesso il colore del pulsante delle sue email:

Allo stesso modo Paper Culture, azienda che vende articoli di cancelleria e biglietti, aggiorna il colore del pulsante CTA per ogni email:

Da notare che entrambi i marchi cambiano solo il colore da email a email. Dimensioni, forma e testo rimangono uguali. In tal modo, entrambe le aziende stabiliscono coerenza nella propria identità visiva, anche se variano i colori dei pulsanti.

La modifica del colore del pulsante CTA per ogni email è efficace quando:

  • Hai una linea stilistica e un’identità visiva consolidata. Pertanto, anche quando cambi le combinazioni di colori tra un’email e un’altra, le tue email riflettono comunque l’aspetto del tuo marchio.
  • Mantieni i colori del tuo brand. Anche se il colore cambia, rientra nella palette del brand, in modo da mantenere un aspetto uniforme.
  • Scegli un colore che sia armonico con la combinazione di colori dell’email. Assicurati solo che il colore risalti sullo sfondo.

Come scegliere la palette di colori per la CTA

Il colore ha un grande impatto sul modo in cui interpretiamo le informazioni. Quando scegli un colore, che sia per il tuo pulsante CTA o per il tuo logo, è importante considerarne le connotazioni.

Mentre l’interpretazione dei colori dipende in gran parte dalle esperienze personali, spesso vengono fatte delle generalizzazioni sulla psicologia del colore. Questa Guida alle emozioni associate ai colori della Logo Company viene spesso menzionata come valida guida generale:

Color Emotion Guide

Un altro studio, citato da Help Scout, ha rilevato che le persone giudicano un colore in base all’appropriatezza percepita per il marchio in questione. In altre parole, valutano se il colore “si adatti” alla personalità del prodotto o del marchio.

Infatti, i colori possono avere diverse associazioni a seconda del brand: il colore verde, ad esempio, connota l’attenzione per la natura e l’ambiente dei prodotti di Seventh Generation, mentre per Sprout Social denota modernità e affidabilità.

In altre parole, non c’è un singolo colore “giusto” da scegliere. È più una questione di scegliere il colore che evochi l’energia e la personalità del tuo brand.

Ode al colore blu

In un’analisi di Really Good Emails, tuttavia, è stato definito un chiaro vincitore per quanto riguarda il colore più usato per i pulsanti CTA: il blu.

Colore CTA - Really Good Emails

In generale, il blu è tra le nuance favorite sia da uomini che da donne, secondo la ricerca di Joe HallockHelp Scout mostra queste statistiche:

Un’altra importante considerazione sul colore è “l’effetto isolamento“, ovvero il fenomeno secondo cui qualcosa sembra più o meno attraente a seconda di ciò che lo circonda.

Quando si parla di colore, alcune ricerche hanno dimostrato che le persone preferiscono un colore forte e audace che si distingue in maniera netta rispetto al resto.

Ad esempio, anche se il pulsante CTA rosso nell’esempio in basso ha aumentato le conversioni del 21%, Help Scout sottolinea come la ragione potrebbe non risiedere in una preferenza generale verso la tonalità in sé. Invece, il driver dei clic potrebbe essere il fatto che il rosso risulta più prominente rispetto al corpo dell’email:

Combina l’appeal del colore blu con l’effetto isolamento sul fondo bianco, e otterrai un pulsante CTA ben visibile, come in questa email:

Best practice per scegliere il colore della CTA

  • Scegli un colore che contrasti o sia in evidenza rispetto allo sfondo.
  • Scrivi una CTA convincente utilizzando un verbo all’imperativo, nel tono tipico del tuo brand (evita “Clicca qui” e sii più creativo rispetto a “Ulteriori informazioni”).
  • Ridimensiona il pulsante in modo che sia facile da individuare ma non invadente nel contesto dell’email.
  • Assicurati che il carattere sia grande e di facile lettura.
  • Mantieni il pulsante semplice e moderno: evita sfumature, bordi e ombre.
  • Assicurati che la CTA sia bulletproof in modo che appaia sempre.
  • Testa, testa, testa. Non sei sicuro di quale colore del pulsante CTA sia più adatto per il tuo pubblico? Esegui un test A/B sul colore del pulsante e tieni traccia dei risultati.

Ricorda che, quando crei le email con l’editor MailUp, i pulsanti saranno sempre bulletproof. Vuoi approfondire le best practice di Email Design? Scarica ora la nostra guida gratuita!

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

9 tecniche per creare newsletter B2B impossibili da ignorare

Dalle esigenze del pubblico alla psicologia del colore, fino al tracciamento. Nel post di oggi ti forniamo conoscenza e azione per le tue newsletter B2B, ...

Continua a leggere

Footer perfetto: come realizzarlo

Nel presentarti una nuova funzione con cui personalizzare le icone social, abbiamo raccolto alcuni ottimi esempi di footer funzionali, originali e ad effetto. Se pensi che ...

Continua a leggere

La gestione dei disiscritti: come creare il tuo flusso con Database Building

Abbiamo messo nero su bianco i 5 step per configurare il tipo di opt-out, le pagine di post-disiscrizione, il Centro preferenze e il footer delle ...

Continua a leggere

Come creare il flusso di onboarding per il canale email: dall’iscrizione al benvenuto

Ti guidiamo, passo passo, alla creazione di form, pagine e email con cui gestire l’iscrizione di nuovi destinatari al tuo database, dandogli il benvenuto e ...

Continua a leggere

Vuoi profilare bene? Impara a raccogliere i dati

Da dove partire per profilare le email? Dalla raccolta di informazioni utili sui destinatari. Vediamo allora le possibilità a disposizione delle aziende: profilazione unica, progressiva, ...

Continua a leggere

Zero bounce, 100% recapito. Utopia? No, realtà

Hard bounce. Filtri antispam. Delivery rate. Deliverability. Alzi la mano chi, occupandosi di Email Marketing, non si è mai trovato a fronteggiare queste tematiche in ...

Continua a leggere