NEWS

MailUp dà il benvenuto a Contactlab nel gruppo Growens

LEGGI LA NOTIZIA

Backup e ripristino: l’assicurazione definitiva per il tuo sito web

16 Febbraio 2022Tempo lettura: 6 min.

I backup ti aiutano a ripristinare il tuo sito web ad una versione precedente in caso di bug, aggiornamenti che non sono andati a buon fine, hackeraggi e altri problemi. Tuttavia, il restore di WordPress da un file di backup non è facile se sei un principiante. In questo articolo, vediamo alcuni metodi rapidi per ripristinare facilmente il tuo sito WordPress da un backup.

La sicurezza online, stando ai dati, è ogni anno più a rischio a causa dell’aumento dei cyber-attacchi. Proteggere un sito web, per chiunque ne sia proprietario, è per questo un’attività sempre più importante. E tra i tanti modi per garantire sicurezza al tuo sito web, il backup è senza alcun dubbio uno dei più efficaci.

Perché creare un backup

Il backup di un sito WordPress consiste in una copia del database e dei file di sistema che permettono il funzionamento del sito. 

Ricorrerai con un certo sollievo al backup dei dati se hai perso contenuti che non puoi ripristinare tramite le apposite funzionalità di WordPress, se hai installato un tema o un plugin che hanno danneggiato il sito o se il tuo sito web non è più visibile a causa di un arresto anomalo del sistema, un bug o un attacco hacker. In altre parole, la sicurezza informatica vede nel backup un certificato di sicurezza del tuo sito web.

Esistono diversi modi per effettuare il backup di un sito web: backup automatici, backup giornalieri, backup occasionali. A seconda delle tue esigenze di sicurezza, potrai stabilire la frequenza giusta per proteggere i dati personali e i file di sistema che fondano il tuo spazio web.

Cosa include un backup? 

Per compiere con la sua funzione di salvataggio delle informazioni più importanti di un sito, un backup deve includere diversi elementi, che non sono solo quelli visibili all’utente (come i contenuti, le foto o i video) ma anche tutti i file e le impostazioni che permettono il funzionamento vero e proprio del sito (includendo la configurazione di WordPress, se utilizzi questo CMS).

Il backup di un sito WordPress deve quindi comprendere:

  • una copia del database WordPress,
  • una copia dei file nelle directory plugins, mu-plugins, themes e uploads,
  • una copia di file selezionati nella directory wp-content.

Solo disponendo di un backup di tutti gli elementi del tuo sito potrai ripristinarne una versione anteriore perfettamente funzionante, che gli utenti potranno visualizzare e utilizzare.

Restore di WordPress: i vari metodi di ripristino da backup

Esistono diverse soluzioni per ripristinare i dati di un sito web attraverso la copia di backup. Il tipo di restore dipende principalmente dal metodo scelto per creare il backup. 

Ad esempio, se hai usato un plugin per il backup, è meglio utilizzare lo stesso add-on anche per il ripristino del sito.

In caso di backup manuale, invece, potrebbe essere conveniente usare cPanel per il restore (a meno che non si tratti di siti di grandi dimensioni).

Cosa ripristinare: backup completo o parziale?

Il ripristino completo di un sito è più impegnativo, con conseguente aumento dei tempi di inattività. 

In questo senso, un ripristino parziale può essere più performante ma richiede la conoscenza esatta dell’elemento che ha causato l’errore (ad esempio un nuovo plugin) o del momento in cui si è verificato il problema (ad esempio quando è stato aggiornato il tema del sito). 

Dal punto di vista del database, con un ripristino parziale si salvano anche le modifiche realizzate durante il processo di aggiornamento (mentre con un restore completo queste potrebbero andare perse). 

Ripristinare un sito WordPress da backup con un plugin

Se per realizzare il backup del tuo sito WordPress hai usato un plugin, molto probabilmente potrai usare l’add-on anche per il ripristino. La maggior parte dei plugin di backup, infatti, consente anche l’operazione di restore: basta che segui le istruzioni. 

Esistono diversi tipi di plugin, alcuni con versione gratuita, altri in versione premium. Vediamo alcuni esempi.

Plugin UpdraftPlus

Questo plugin consente di creare un backup completo di un sito WordPress, salvarlo su computer o cloud (sfruttando servizi di archiviazione come Google Drive, Dropbox e Amazon S3), inviarlo via FTP, SFTP e email, e ripristinare facilmente i backup dal pannello di amministrazione di WordPress.

BackupBuddy 

Plugin WordPress molto popolare, che permette di realizzare le operazioni di backup e ripristino in modo semplice e rapido attraverso il tool ImportBuddy. Caricando il file ImportBuddy e il file zip di backup si viene guidati dal tool attraverso tutti i passaggi per realizzare il ripristino dell’intero sito WordPress, inclusi contenuti, plugin, widget e temi. È anche possibile fare il restore di singoli file WordPress.

BackWPup

BackWPup è un plugin gratuito che può essere utilizzato per salvare l’installazione completa di WordPress, incluso /wp-content/. Consente di creare backup completi di WordPress gratuitamente e archiviarli su cloud (Dropbox, Rackspace, Amazon S3, ecc.), FTP, email o sul proprio computer. Con un singolo file .zip di backup si può ripristinare facilmente un’installazione. 

La versione Pro permette di ripristinare i backup con pochi clic dal backend di WordPress, crittografare gli archivi di backup e fare restore da backup crittografati.

Ripristinare il backup di WordPress utilizzando l’host web 

Molti host web forniscono il backup come parte del loro pacchetto di hosting o come componente aggiuntivo. Questi backup vengono eseguiti regolarmente come istantanee del tuo sito, in modo che tu possa riportare il sito a determinati punti di ripristino. 

In genere, per ottenere il ripristino da backup del tuo sito dovrai contattare l’host (il processo può richiedere da alcune ore a qualche giorno). Ma alcuni host web ti permettono di ripristinare WordPress dal backup accedendo alla dashboard del tuo account di hosting. 

Ripristinare manualmente il sito WordPress dal backup

La procedura manuale ha lo svantaggio di poter incorrere nell’errore umano ma se non vuoi usare un plugin di “backup and restore” e il tuo servizio di hosting non mette a disposizione la funzione di ripristino del sito da backup, puoi utilizzare cPanel o fare un restore tramite FTP, dopo aver scaricato il backup sul tuo computer (o su un server locale). 

Il ripristino manuale con cPanel richiede due strumenti separati: 

  • phpMyAdmin per ripristinare il database,
  • File Manager per il restore dei file WordPress.

Entrambi i tool hanno un limite massimo di 500 MB per il caricamento dei file. Se il file di backup supera questo limite, come nel caso di un e-commerce di grandi dimensioni, è meglio usare il metodo FTP invece che cPanel, impiegando un client FTP come FileZilla.

Come ripristinare il sito WordPress senza backup

Ipotesi infausta ma non improbabile: il tuo sito potrebbe non essere più visibile a causa di un aggiornamento andato storto o di un hackeraggio e tu potresti non avere una copia di backup del sito con cui ripristinarlo.

In questo caso ci sono alcune soluzioni che ti permettono di salvare, almeno in parte, il tuo sito.

Attraverso la cache web

I motori di ricerca di solito conservano una versione cache del tuo sito per consentire agli utenti di visualizzare l’ultima versione memorizzata nella loro cache se il sito non è attivo.

Attraverso la Wayback Machine

La Wayback Machine è il più grande archivio digitale del World Wide Web. Il progetto è nato proprio ​​con l’intento di risolvere il problema della scomparsa del contenuto di un sito Web quando questo viene modificato o chiuso.

Se il tuo sito è online da diversi anni e riceve molto traffico, ci sono buone probabilità che la Wayback Machine ne abbia archiviato una qualche versione.

Conclusioni

I backup sono cruciali per qualsiasi sito web: ti salvano da hacker senza scrupoli, perdite di contenuti importanti e ti fanno risparmiare una gran quantità di tempo che dovresti spendere per recuperare i dati del tuo sito WordPress.

Come proprietario di un’attività online devi essere preparato all’eventualità che un problema possa impedire agli utenti di visualizzare il tuo sito web o di interagire con esso. In questo caso, solo una buona soluzione di backup e ripristino salverà non solo i tuoi introiti ma anche la tua reputazione come brand.

Questo articolo è stato scritto da

Valentina Pacitti

Valentina Pacitti

Mi occupo di Digital marketing dal 2013, con un’attenzione particolare ai contenuti e alle strategie di posizionamento organico. Come Copywriter e specialista in contenuti per il web aiuto le aziende a farsi trovare online e a esprimere tutto il loro valore attraverso i testi.

Articoli correlati