6 min.

Scopriamo le skill e alcuni dati interessanti su questo profilo strategico per le aziende, tracciando insieme un’ideale job description, tra requisiti necessari e competenze per il futuro.

Chi è? Cosa fa? Quali sono le sue skill? Qual è il suo valore aggiunto? Dell’Email Marketing Manager non si sente parlare spesso, ma è un profilo chiave se si vuole dare al proprio piano di invii solide fondamenta strategiche.

In questo post sezioniamo (metaforicamente) la figura dell’Email Marketing Manager, per portare alla luce abilità, competenze e requisiti.

Chi è l’Email Marketing Manager?

L’Email Marketing Manager è la figura chiave che ha in gestione l’intero ciclo di attività riconducibili al canale email, quando esso è declinato a obiettivi di marketing e comunicazione, quindi rivolto a clienti o potenziali tali.

L’Email Marketing Manager è il diretto responsabile del canale, e a lui sono riconducibili quattro grandi aree di attività:

  • Ideazione: la definizione delle tipologie di campagne, dei flussi e degli strumenti da adottare
  • Programmazione: la definizione del calendario di invii e delle frequenze
  • Esecuzione: la concreta realizzazione delle campagne e di tutte le attività che precedono l’invio
  • Monitoraggio: la misurazione dei risultati e dell’andamento delle attività.

Una diversificazione del ruolo tra azienda e azienda ruota attorno al terzo punto, l’esecuzione: ci sono Email Marketing Manager che accentrano su di sé anche questo insieme di attività, come la scrittura dei testi, la realizzazione di grafiche, la messa a punto del design dell’email, il controllo di link e altri perfezionamenti necessari all’invio.


Ma sono molti i casi in cui l’Email Marketing Manager “appalta” queste attività più operative ad altre figure in azienda, come copywriter, editor, designer, art director. Per quanto riguarda invece le altre aree (ideazione, programmazione, monitoraggio), sono diretta responsabilità dell’Email Marketing Manager.

Come ogni manager, questa figura è fortemente orientata ai risultati: l’Email Marketing Manager svolge infatti un ciclo di attività finalizzate al raggiungimento di obiettivi aziendali.

A proposito di obiettivi, interessante è comprendere quali sono i più perseguiti: uno studio di Atomic Reach ci dice che l’87% degli Email Marketing Manager ha come principale obiettivo l’incremento dell’engagement con clienti e potenziali tali; al secondo posto (56%) troviamo l’obiettivo di vendita.

Quali aziende necessitano di un Email Marketing Manager?

La risposta è tutte: è infatti fondamentale che il canale email abbia un referente, un responsabile unico a cui facciano capo obiettivi, attività e risultati.

La realtà però è cosa diversa: come è facile immaginare, la presenza dell’Email Marketing Manager cala man mano che si incontrano realtà aziendali più ristrette: ce lo dice sempre Atomic Reach, che ha rilevato come il 37,60% degli Email Marketing Manager lavora in aziende con oltre 1.000 dipendenti. Un buon 25% è richiesto e impiegato in aziende con 101-250 dipendenti.

Si tratta di un quadro ovviamente non esaustivo. È chiaro che una realtà ancora piccola non debba escludere a priori la figura dell’Email Marketing Manager: è questione di centralità del canale email, di quanto sia o non sia un asset chiave per la realtà in questione. Allo stesso modo non è detto che una multinazionale, una realtà corporate, necessiti a tutti i costi di un Email Marketing Manager.

Le skill imprescindibili dell’Email Marketing Manager

Ancor prima delle capacità creative, a essere fondamentali sono le abilità strategiche, che permettono di basare ogni attività sugli obiettivi, di portare risultati tangibili, grazie alla  consapevolezza di ciò che è necessario per riuscirci.

È quindi fondamentale conoscere la tecnologia, gli strumenti con cui dare alla strategia un’applicazione pratica: parliamo di tutte quelle funzioni di segmentazione, profilazione, A/B testing, automation di cui sapremo offrirti alcune risorse utili nel prossimo capitolo.

Se l’Email Marketing Manager non si avvarrà di designer, art e copy, gli saranno necessarie alcune skill creative, così come alcune conoscenze tecniche, in modo da rendere l’email, oltre che stilisticamente di impatto, ottimizzata per dispositivi mobile.

Infine le skill analitiche, per capire l’andamento e la reale efficacia della strategia in atto e dove intervenire per migliorarla. L’Email Marketing Manager aiuta a interpretare tutti i dati in possesso e a riutilizzarli per migliorare le campagne future.

Email Marketing Manager: una possibile job description

Facciamo finta di dover pubblicare un annuncio per la posizione di Email Marketing Manager. Saremo ambiziosi, e cercheremo nel mercato un profilo con skill a 360° e al tempo stesso manageriali. Proviamo:

Come Email Marketing Manager della nostra azienda, avrai l’obiettivo di promuovere il nostro brand, incrementare la fidelizzazione dei clienti e coltivare il rapporto con i prospect. Ti sarà necessario dunque un forte approccio strategico e orientato ai risultati. Più nel concreto, ecco di cosa ti occuperai:

» Identificare il target giusto delle campagne
» Ampliare nel tempo il database di destinatari
» Scrivere copy curandone efficacia, chiarezza e ortografia
» Garantire alle email un design responsive, l’ottimizzazione per smartphone e tablet
» Aggiornare l’email design seguendo i trend del momento e garantendo efficacia e fruibilità dei contenuti
» Condurre A/B test per migliorare nel tempo le performance
» Mettere a punto workflow e flussi di Marketing Automation
» Mettere a punto e innescare processi di personalizzazione e segmentazione
» Sviluppare strategie di Retention Email Marketing
» Analizzare le performance delle campagne e suggerire miglioramenti
» Rendere conto del ritorno sull’investimento del canale
» Tracciare e mettere a punto customer journey efficaci
» Aggiornarti e sperimentare i nuovi tool sul mercato

Plus:
» Esperienza pratica di HTML
» Conoscenza di SEO/SEM e Google Analytics
» Dimestichezza con sistemi CRM

La skill del futuro: integrare l’intelligenza artificiale

Già ora, e sempre più nei prossimi anni, è fondamentale saper integrare il canale email con strumenti avanzati messi a disposizione del mercato. Una tecnologia che ha un forte impatto sull’Email Marketing è l’intelligenza artificiale.

Ecco come si esprimono a riguardo gli Email Marketing Manager: solo il 12,5% di loro ha implementato e utilizza l’AI nella propria strategia.

Se la parola Intelligenza artificiale incute forse soggezione, meglio allora parlare di Marketing Predittivo, cioè quell’insieme di strategie e funzioni che, grazie alla raccolta di dati e informazioni sul comportamento e le abitudini dei clienti, consente alle aziende di anticipare e prevedere le loro esigenze future. Il che si traduce in customer journey personalizzate e di alto rendimento, con incrementi di fatturato che vanno dal 10% al 15%.

Per convertire l’AI nella pratica di tutti i giorni il consiglio è di affidarsi a una piattaforma di Marketing Predittivo come Datatrics, che non richiede specifiche competenze tecniche o statistiche.

L’integrazione tra la piattaforma di Marketing Predittivo (Datatrics) e quella di Email Marketing (MailUp) consente di aggregare i dati di fonti interne (CRM, Email, Social Network, E-commerce, Web Analytics, etc.) ed esterne (dati demografici, condizioni meteorologiche, intensità del traffico, etc.) con cui costruire profili di clienti a 360 gradi.

Grazie al suo algoritmo di intelligenza artificiale, Datatrics consente di prevedere gli interessi dei clienti che interagiscono con il sito internet, le email e le campagne su Google, Facebook, Display Adv e altri canali, in modo da creare customer journey dedicati al singolo contatto utili a stimolare l’acquisto o, più in generale, raggiungere specifici obiettivi di conversione.

Servirsi dell’AI non è utopia, è qualcosa a portata di mano di tutte le aziende.

Per concludere

L’Email Marketing Manager è un ruolo chiave all’interno di un’azienda che vuole fare dell’email un canale strategico. Senza il suo profilo, l’Email Marketing sarà destinato a una conduzione estemporanea, occasionale, scarsamente orientata ai risultati.

Il nostro consiglio è quello di coniugare competenze professionali a funzioni avanzate, che puoi trovare nella piattaforma MailUp: richiedi una prova gratuita per 30 giorni, potrai mettere mano a tutte le funzioni di creazione, invio, testing e tracciamento. Buon Email Marketing!

Prova MailUp

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

Quanto costa una campagna di Email Marketing?

Tra costi-tecnologia e costi-uomo, cerchiamo di capire quanto costa una campagna di Email Marketing e, se è vero quanto si dice, che è il canale ...

Continua a leggere

Email Marketing Automation: che cos’è e tutte le funzioni per farlo

Scopriamo in cosa consiste la Marketing Automation applicata al canale email, i vantaggi che porta alle aziende e le funzioni che consentono di convertire le ...

Continua a leggere

Retention Email Marketing: 7 tecniche per abbattere il churn rate

La retention non è una strategia da impugnare solo all’accensione della spia “churn rate”, ma un’attività da condurre con continuità: ecco 7 campagne email con ...

Continua a leggere

L’ambiente sempre più al centro: +32% le campagne a tema “green“

Nel nostro ultimo studio abbiamo analizzato la ricorrenza delle tematiche ambientali nei messaggi inviati tra 2018 e 2019. Cosa è emerso? Un’attenzione in costante crescita ...

Continua a leggere

La personalizzazione delle email: tutto quello che devi sapere in un nuovo ebook

Nell’ultima uscita della nostra collana, la teoria e la pratica dell’attività di personalizzazione: vantaggi, obiettivi e tool per migliorare il ROI grazie a campagne rilevanti. Una ...

Continua a leggere

Test A/B per l’Email Marketing: cosa è e come eseguirlo

Entriamo in profondità nell’attività di A/B testing, per capire in cosa consiste, quali elementi consente di ottimizzare e gli step per condurla tramite strumenti professionali. ...

Continua a leggere