5 min.

Quasi tutte le aziende utilizzano le email per costruire relazioni con i clienti, ma far crescere le conversioni diventa sempre più difficile. Ecco 10 consigli per migliorare la strategia.

Mentre i vari canali di marketing restano in voga per poco tempo, le campagne email mantengono la loro reputazione di strumento più popolare per le attività di promozione aziendale. Individui e aziende utilizzano le piattaforme di posta elettronica già da oltre tre decenni, ma questo non impedisce loro di registrare una crescita continua.

Secondo le statistiche relative al 2018, in tutto il mondo ci sono quasi quattro miliardi di persone che usano la posta elettronica. Ciò significa che è possibile raggiungere più della metà della popolazione globale usando un solo canale di marketing. Si tratta di un vantaggio commerciale che nessuno avrebbe nemmeno potuto immaginare solo qualche decennio fa.

Le email non solo garantiscono un’accessibilità globale, ma offrono anche molti altri vantaggi. Possono aiutare a:

  • Costruire un’immagine di autorevolezza professionale
  • Coltivare le relazioni con i clienti
  • Lanciare delle campagne a basso costo
  • Analizzare il pubblico di destinazione
  • Aumentare il traffico verso il sito web
  • Aumentare le vendite e i ricavi.

Questi sono solo alcuni dei vantaggi offerti dalle campagne email, ma ciò è più che sufficiente per convincere chiunque a continuare a investire in questo canale di promozione del brand. Tuttavia, resta il fatto che quasi tutte le aziende utilizzano le email per costruire delle relazioni con i clienti, così che sta diventando sempre più difficile far crescere le conversioni.

Se si desidera superare questo ostacolo e battere la concorrenza è necessario utilizzare le tecniche più innovative. In questo post, analizzeremo 10 consigli di Email Marketing che dovresti mettere in pratica per migliorare i risultati aziendali. Cominciamo!

1. Fai crescere il numero di iscritti alla tua mailing list

Hai già migliaia di iscritti che ricevono le tue email e credi che ciò sia abbastanza per garantire un grande successo alle tue campagne di posta elettronica? Questa mentalità è sbagliata, perché ti limita e impedisce alla tua lista di iscritti di crescere ulteriormente.

Le probabilità di accrescere i risultati di vendita aumentano con ogni contatto che si aggiunge alla propria lista, quindi ricordati sempre di continuare a creare nuovi lead magnet. Queste attività comprendono una vasta gamma di strumenti di marketing come infografiche, video, webinar, ebook, check-list, white paper, guide, kit di strumenti e molto altro.

Un altro suggerimento importante è semplificare i form di iscrizione alla mailing list, in modo che le persone debbano inserire solo i dettagli più importanti.

2. Usa frasi accattivanti nell’oggetto

È assolutamente impossibile sopravvalutare l’importanza che il messaggio contenuto nell’oggetto ha nel determinare il successo generale delle campagne email. Poiché è la prima cosa che gli iscritti vedono, il contenuto dell’oggetto può invogliarli ad aprire il messaggio, oppure a ignorarlo completamente.

Osservatorio Statistico: l’edizione speciale dedicata all’oggetto dell’email

Cos’è che rende accattivante l’oggetto dell’email?

Non esiste una formula magica per creare una riga dell’oggetto perfetta, ma ci sono elementi che la possono rendere accattivante agli occhi della maggior parte delle persone. Tra questi ci sono umorismo, numeri, emoji, domande, effetti a sorpresa, ecc. È necessario essere creativi e capire cosa funziona per il proprio pubblico, ma per darti delle idee di partenza eccoti alcuni esempi:

  • 30 immagini incredibili per il profilo di Facebook
  • Come ho raggiunto i 10.000 follower su Instagram in 2 mesi
  • Hai solo 24 ORE per vedere questo
  • Ecco il tuo nuovo impermeabile.

3. Accorcia e semplifica il messaggio

Ricorda di rendere i messaggi di posta elettronica brevi e semplici. Uno studio dimostra che l’impiegato medio riceve 120 email ogni giorno… non ci vuole una laurea per rendersi conto che di conseguenza le persone detestano dover leggere lunghe colonne di testo.

Jake Gardner, uno scrittore che lavora presso il servizio di scrittura testi per il college, afferma che gli iscritti dei giorni nostri richiedono contenuti più leggeri: “Ho visto troppe campagne fallire perché i copywriter non si rendevano conto che il loro pubblico non legge messaggi lunghi. Attenzione a non commettere lo stesso errore: asseconda i tuoi follower scrivendo testi diretti e concisi.”

4. Rendi il messaggio personale

Benché il concetto di personalizzazione non sia affatto nuovo nel campo del marketing, esso sta diventando sempre più importante di anno in anno. Ormai nessuno vuole più fruire contenuti generici, quindi l’unico modo per attirare le persone interessate e trasformarle in clienti è personalizzare separatamente i contenuti per ciascun iscritto.

Ci sono molti modi per farlo. Ad esempio, è possibile rivolgersi a loro in modo personale usando il nome proprio e inviare contenuti rilevanti a seconda della posizione corrente di un iscritto all’interno del funnel di vendita.

Si può anche dire qualcosa tipo: “Ti è piaciuto il nostro post sul social media marketing? Ecco un articolo simile a cui potresti essere interessato!” Una tattica del genere dimostra che capisci quali siano gli interessi dei tuoi iscritti, dimostrando loro la tua volontà ad assecondarli.

5. Non vendere con le email

Una regola importante dell’Email Marketing è di non utilizzare questo strumento per vendere i tuoi prodotti o servizi. Un utente tipico si iscrive alle newsletter perché desidera leggere dei contenuti di qualità, non perché vuole acquistare.

Invece di scrivere un messaggio insistente, dovresti concentrarti sulla creazione di contenuti di valore che risolvano problemi pratici e tengano informati i tuoi follower su eventi interessanti per una determinata nicchia. La newsletter perfetta è sempre educativa, informativa, divertente e assolutamente rilevante.

6. Aggiungi una sola CTA

Molti marketer intendono massimizzare i risultati delle loro campagne attraverso l’uso di inviti all’azione (Call To Action), ma non riescono a sfruttare questi elementi correttamente. Questo perché bombardano il loro pubblico con svariate CTA, lasciandolo confuso e incapace di fare una singola scelta fruttuosa.

Ciò costituisce il motivo principale per cui gli iscritti rinunciano ed evitano di intraprendere una qualsiasi azione.

Se vuoi risolvere questo problema, devi limitarti ad aggiungere una sola CTA per email. Puoi ripeterla più volte all’interno della newsletter, senza però mescolarla ad altre opzioni. In questo modo offrirai al tuo pubblico una soluzione chiara, così che non si ritroverà a dover scegliere tra più opzioni.

7. Coerenza

La coerenza è un altro aspetto molto importante dell’Email Marketing. Fra le regole pratiche generali troviamo quella di scegliere un giorno della settimana e inviare le proprie newsletter sempre nello stesso giorno. Ad esempio, puoi farlo ogni martedì, così che i tuoi follower, email dopo email, si abituino a uno stesso ritmo.

Oltre a questo, dovresti individuare l’orario migliore in cui il tuo pubblico è molto attivo e più incline a leggere il tuo messaggio. Alcuni studi dimostrano che il momento migliore per inviare le email è verso le 10 di mattina, ma è necessario che ogni marketer individui personalmente l’ora perfetta, perché il proprio gruppo di destinazione potrebbe avere preferenze diverse.

Attraverso queste accortezze creerai anticipazione e col tempo abituerai il tuo pubblico a ricevere e aspettare i tuoi messaggi.

8. Incoraggia a rispondere

Contrariamente a quanto si crede, l’email non è un canale di comunicazione unidirezionale. Al contrario, dovrebbe essere usato per incoraggiare i destinatari a rispondere, così da entrare in comunicazione con i propri potenziali clienti. Ecco perché non si dovrebbero mai inviare newsletter da indirizzi email a cui non è possibile rispondere.

Una fra le tattiche che più amiamo è quella di stimolare il proprio pubblico a inviare domande sul brand, sui prodotti, sui servizi o sull’industria in generale. Ad esempio, ogni settimana un nuovo impiegato della tua azienda potrebbe rispondere alle domande e presentare il collega che successivamente prenderà parte a questo processo. Ciò costituisce un modo eccellente per costruire relazioni con gli utenti e aumentare la fedeltà dei clienti.

9. Fai una prova prima di inviare

Parlando sempre di dispositivi diversi, dobbiamo qui menzionare l’assoluta necessità di testare i messaggi prima di inviarli ai propri iscritti. Questo è l’unico modo per assicurarsi che tutto funzioni senza problemi, indipendentemente dal tipo di dispositivo o dalla piattaforma di posta elettronica usati.

Ciò ti aiuterà a identificare possibili errori, a sistemare il tutto e a inviare la migliore versione della tua email. Inutile dire che ti sarà utile anche per evitare errori e proteggere la tua autorevolezza professionale in generale.

A/B test: guida alla sperimentazione

10. Semplifica la disiscrizione

L’ultimo suggerimento che vogliamo elencare è quello di semplificare la cancellazione del contatto degli utenti dalla mailing-list della newsletter. Ricorda che gli iscritti non sono tuoi prigionieri, quindi devi lasciare loro scegliere quale sarà la loro prossima azione e decidere se annullare l’iscrizione o meno.

Se non dai loro questa possibilità, potresti far arrabbiare i tuoi iscritti e questa non è mai una buona idea. Tieni presente che oltre l’80% dei clienti si fida dei suggerimenti relativi a un brand dati dai propri amici e familiari, quindi stai attento a non rendere i tuoi iscritti dei “nemici” che potrebbero scacciare potenziali contatti.

La gestione dei disiscritti

Come creare il tuo flusso con Database Building

Conclusioni

Le email rappresentano la piattaforma di comunicazione più utilizzata al mondo, il che le rende uno strumento irrinunciabile per tutti i tipi di attività. Tuttavia, il fatto che in molti si affidino alle campagne email non significa necessariamente che tutti sappiano come farlo correttamente.

Al contrario, solo i marketer più informati e competenti sanno come sfruttare i vantaggi delle campagne email impiegando le ultime tattiche di promozione del brand. In questo articolo, ti abbiamo aiutato presentandoti 10 consigli di Email Marketing che dovresti mettere in pratica per migliorare i risultati aziendali.

Hai mai seguito alcuni di questi principi? Pensi che i nostri suggerimenti possano aiutarti a far crescere il potere del tuo brand? Lascia un commento e ci troverai pronti per discutere con te di questo argomento importantissimo!

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

UX design: come progettare esperienze utente per l’Email Marketing

Trasformare la lettura di un'email in un'esperienza piacevole e memorabile è l'obiettivo di ogni marketer che vuole aumentare le proprie conversioni. Ecco alcune linee guida ...

Continua a leggere

15 modi originali di usare le GIF animate nelle email

Le GIF animate sono sempre più spesso scelte dai marketer per dar vita alle comunicazioni email. Ma come usarle in modo divertente, utile e diverso ...

Continua a leggere

Email Marketing e tipografia: alcuni consigli su formattazione e stile

Quanto è importante inviare campagne con un testo non solo leggibile per il destinatario, ma anche di impatto? È il momento di ripensare stile e ...

Continua a leggere

Come progettare una landing page che converte

Dalla call to action alla social proof, fino all’attività di testing. Vediamo le best practice per progettare una landing page dall’elevato potenziale di conversione. Ogni pagina ...

Continua a leggere

Email Marketing & E-commerce: il white paper dedicato all’impatto del Covid-19

Abbiamo unito i risultati di due ricerche, di MailUp e dell’Osservatorio eCommerce B2c della School of Management del Politecnico di Milano. Obiettivo: fotografare l’impatto del ...

Continua a leggere

6 suggerimenti per l’Email Marketing delle attività con punti vendita fisici

L'email marketing può essere fondamentale per attirare e fidelizzare i clienti. Infatti garantisce potenzialmente un ROI del 4.400%; basta questo per affermare che vale la ...

Continua a leggere