Come ridurre il peso delle immagini web e trovare il peso ideale

23 Novembre 2021Tempo lettura: 6 min.

Quando hai a che fare con il mondo del web, per lavoro o per diletto, spesso ti capiterà di dover ottimizzare immagini per il sito web e ridurre il peso delle immagini, per velocizzare le prestazioni del tuo sito web, soprattutto da un punto di vista SEO. In questo articolo ti aiuteremo a scoprire come poter ridurre il peso di una foto per una pagina web in maniera semplice e intuitiva. 

Quando si lavora al peso di un’immagine per il web, una delle prime preoccupazioni è quasi sempre quella di mantenerne il più possibile la qualità e la bellezza iniziale. La preoccupazione, spesso, è che qualsiasi attività che ridurrà le sue dimensioni, possa compromettere la resa finale. La scelta del giusto programma o sito online, così come del giusto livello di compressione, è per questo essenziale per ottenere il miglior risultato possibile e ottimizzare le immagini per il web senza perdere la loro qualità. 

Se hai spesso bisogno di ridurre il peso delle tue immagini, magari perché ti occupi di contenuti per il web, e devi stare molto attento alla velocità di caricamento dei siti, forse ti conviene scaricare un programma apposito per il tuo computer, in modo da avere sempre i tuoi lavori a portata di mano e riordinare tutto come più ti piace.

Se invece devi ridurre il peso delle immagini in ottica web solo occasionalmente, magari per un lavoro che devi consegnare una tantum o per inviare un file via email, allora un semplice sito web da usare come per ridurre le dimensioni del file potrebbe essere più che sufficiente. 

Ridurre il peso delle immagini per avere un sito web più veloce 

Forse non tutti sanno che le prestazioni di un sito web sono direttamente proporzionali al peso delle sue immagini. Tendenzialmente infatti, più le immagini sono pesanti, più il sito tenderà a caricarsi lentamente, compromettendone non solo l’indicizzazione sui motori di ricerca, ma anche l’esperienza utente, che potrebbe infatti scocciarsi di attendere troppo per arrivare alle informazioni che gli interessano.

Insieme all’ottimizzazione SEO dei contenuti, alla scelta delle giuste parole chiave e alle performance tecniche, occorre valutare anche alcune caratteristiche delle immagini presenti sulle pagine web del sito, ovvero: la qualità, le dimensioni, il peso, il nome del file e i tag alt delle immagini che andiamo ad usare. Le SEO delle immagini può essere utile, anzi fondamentale, per migliorare le performance del tuo sito web.

Se da un lato scegliere una bella foto in linea con il sito e il suo stile e associarla alle giuste parole chiave nel testo alternative è importante, dall’altro è ancora più rilevante assicurarsi che il peso e le dimensioni dell’immagine siano in linea con i parametri web. 

Il peso ideale delle immagini per il web è di circa 200-300 kb, per una risoluzione di 72 dpi e dimensioni per il lato lungo di massimo 1200 pixel.

Ridurre peso alle immagini del sito web e ottimizzare le immagini SEO non è una delle operazioni più divertenti che ci siano, ma specialmente se si usano tante immagini per il proprio sito web, è meglio familiarizzare subito con i vari tool a disposizione per ottenere il risultato più idoneo alle proprie necessità. 

Ridurre il peso delle immagini per inviare un file pesante via email 

Se il peso delle immagini sui siti web è un fattore di cui tenere conto, ma di cui magari non ci rendiamo conto immediatamente, per l’invio di file via email invece è tutta un’altra storia: se il file è troppo grande, semplicemente non si invia.

Qualora la qualità dell’immagine non fosse importante, un sito web di compressione immagini, che imposti il giusto livello di compressione, potrebbe essere la soluzione più veloce e intuitiva per inviare via email dei file immagine. 

Quando l’invio delle immagini ha la necessità di mantenere la qualità originale, è forse meglio ricorrere ad altri metodi alternativi di invio. Se la vecchia chiavetta usb con il lavoro da remoto non è più la migliore delle opzioni, si possono comunque usare siti gratuiti come WeTransfer, che consentono di inviare gratuitamente immagini di alta qualità. Attenzione solo a scaricare i file che ricevi in tempo: i tuoi contenuti su questa piattaforma hanno una scadenza settimanale! 

Come ridurre facilmente il peso delle immagini usando vari tool e programmi online e su computer

1. Comprimi le dimensioni delle tue immagini senza badare troppo alla qualità

Spesso in un sito web le immagini sono utili elementi per agevolare la scorrevolezza del testo e aiutare il lettore a trovare le informazioni che cerca. In questo caso la qualità dell’immagine passa in secondo piano vista la sua funzione, rispetto alla velocità di caricamento della pagina che deve tener conto anche del peso delle immagini usate. 

In questi casi, quando non si bada alla qualità dell’immagine, per ridurre il peso delle proprie immagini, basterà ricorrere a dei tool gratuiti ( o a pagamento se con funzioni più professionali) che si trovano in molti siti web. 

Questi siti lavorano tendenzialmente per compressione dell’immagine, e applicano delle misure standard generalizzate da algoritmo per l’ottimizzazione web.

Tra i siti usati maggiormente dagli utenti: Comprimilo, Optimizilla, TinyPNG e CompressJpeg. Fai una veloce ricerca web per trovare il sito con cui ti trovi meglio e salva l’indirizzo tra i preferiti, ti tornerà utile tutte le volte che dovrai ridurre il peso di un’immagine senza badare troppo alla sua qualità originaria. 

Inoltre, se il tuo sito è costruito su WordPress, potresti ricorrere anche a un plugin. I plugin altro non sono che programmi di supporto volti a migliorare le funzioni di altri programmi, cioè ti consentono di aggiungere nuove funzionalità al tuo sito senza necessariamente aggiungere manualmente linee di codice. 

Alcuni esempi di plugin WordPress per la riduzione del peso delle immagini: 

Come comprimere un'immagine web

Il processo di compressione è veramente semplice: ti basta trascinare il tuo file da comprimere e caricarlo nell’apposito box. La compressione avverrà in automatico o semplicemente premendo sul pulsante di riferimento. Pochi click, e l’immagine è ottimizzata per peso e dimensioni. 

2. Riduci il peso delle immagini convertendo il formato dei tuoi file 

Quando si vuole ridurre il peso delle immagini del sito web senza intaccare la forma originaria del contenuto o modificare troppo la sua qualità, una buona soluzione può essere semplicemente convertire il formato con cui sono salvate.

Un esempio è convertire i file PNG in JPG, o un file BMP in JPG. Anche qui non si fanno miracoli, e chiaramente una parte di dati e qualità andrà comunque persa nel processo di conversione verso un peso minore. 

3. Scegli il formato WebP

Si tratta di un tipo di formato immagine sviluppato da Google, che garantisce la compressione delle immagini senza perdita di qualità e una facile ottimizzazione lato SEO. Le immagini WebP sono più leggere di un PNG del 34% meno pesanti di un JPEG.

Il formato Wep, essendo stato sviluppato da Google, è perfettamente supportato dai browser basati su Blink , incluso Chrome, ovvero quasi l’80% dei browser in uso supporta.

Lo stesso Facebook utilizza il formato WebP nelle sue app Android, insieme a Youtube, che le usa per le thumbnail dei suoi video.

Perché usare il formato WebP?

WebP è in grado di assicurare sia prestazione che funzionalità. A differenza di altri formati, infatti, WebP supporta anche la trasparenza e l’animazione.

Come convertire un’immagine nel formato WebP

Ci sono due strumenti online che puoi utilizzare gratuitamente per convertire file JPG, PNG e atri formati in WebP:

  1. Squoosh 
  2. Online-convert.com 
Convertire un'immagine in WebP

4. Come ridurre il peso di una foto con Photoshop 

Il programma forse più famoso, usato per ridurre il peso delle immagini a livello professionale, è sicuramente Photoshop. 

Non famoso per essere il più semplice dei software, ha comunque un sistema abbastanza intuitivo per ridurre il peso delle immagini in maniera più personalizzata e professionale rispetto a molti siti web che funzionano con algoritmo di compressione. 

Per iniziare a lavorare alla tua immagine, vai al menu File > Apri (in alto a sinistra) e scegli  l’immagine da modificare.

Una volta importata la foto, clicca ancora su File, e clicca su Esporta come. Nella parte destra della finestra imposta il menu a tendina con Formato su JPG, imposta la qualità desiderata, e scegli le dimensioni finali con l’opzione Scala

La dimensione risultante uscirà in automatico dopo ogni modifica apportata. Una volta ultimata la modifica clicca su Esporta tutto e salva per il web. Possibilmente ottimizza già l’immagine anche per il nome e alt tag usati. 

Ridurre peso immagine con photoshop

Fonte: Guida per Photoshop

Conclusioni

Il peso delle immagini è un fattore di cui tenere sempre conto quando si lavora con il web, ma anche quando si devono inviare file via email, e perché no, newsletter contenenti immagini. 

A meno che non lavoriamo come fotografi o designer, e necessitiamo di una qualità molto elevata, è perciò sempre meglio ridurre il peso delle immagini e ottimizzare i nostri contenuti per il web quando abbiamo necessità di inviarli a qualcuno o caricarli su un sito personale. 

Per fare più veloce e ottenere risultati comunque discreti, i siti web gratuiti a disposizione, basati su una compressione per algoritmo, sono senz’altro la soluzione migliore: facili, intuitivi, indolore. 

Se abbiamo delle necessità particolari invece, il programma più usato in assoluto è senza ombra di dubbio Photoshop. Se non lo sai usare, puoi sempre imparare, ci sono moltissimi tutorial online che possono aiutarti ad usarlo al meglio, ma… ricordati di acquistare prima la licenza! 

Questo articolo è stato scritto da

Tania Biral

Tania Biral

Dal 2015 sono entrata ufficialmente nel mondo del digital marketing, che ho conosciuto ed iniziato ad amare durante il mio Master a San Francisco. Da allora lavoro bilingue ITA/ENG per aiutare i brand e le persone a trarre vantaggio dalle dinamiche e opportunità online, per riuscire ad aprirsi nuove porte prima sconosciute, in Italia e all'estero.

Articoli correlati