NEWS

MailUp dà il benvenuto a Contactlab nel gruppo Growens

LEGGI LA NOTIZIA

WordPress: il miglior plugin per la SEO

28 Febbraio 2022Tempo lettura: 4 min.

La SEO è una tecnica fondamentale per incrementare il traffico proveniente dai motori di ricerca. Qualsiasi tipologia di sito web ha bisogno quindi di utilizzare questa tecnica se l’obiettivo è attirare nuovi visitatori. Per facilitarti in questo scopo, ci sono diversi plugin SEO per WordPress se utilizzi questo CMS per il tuo sito web. Scopriamo quali sono.

La SEO (Search Engine Optimization) è una tecnica che consiste nel curare pagine Web, contenuti e immagini per ottenere il miglior posizionamento possibile nei motori di ricerca. Quando parliamo di questi ultimi ci riferimento soprattutto a Google e alla sua SERP (Search Engine Results Page), la pagina dei risultati di ricerca che un utente visualizza dopo aver effettuato una ricerca tramite parole chiave.

Uno dei punti di forza di WordPress è sicuramente la grande disponibilità di plugin che permettono di estenderne le funzionalità di base. Dal plugin che permette di creare moduli di contatti, al plugin che permette di integrare social come Whatsapp al sito in pochi minuti, passando per plugin che permettono di rendere sicuro il sito web in modo semplice, controllando automaticamente i link interni presenti: la lista di scopi e funzionalità di queste estensioni è praticamente infinita e capire quali sono i migliori plugin per WordPress da scaricare (o, se si tratta di plugin premium, da acquistare) può essere difficile.

E tra questa infinita possibilità di scelta, non potevano mancare delle estensioni appositamente dedicate alla SEO. Vediamo quindi quali sono i migliori plugin di WordPress in tema SEO.

Yoast SEO

Forte dei suoi oltre 5 milioni di utilizzatori, Yoast SEO viene sviluppato ispirandosi al motto “SEO for Everyone” ed è il plugin SEO preferito dalla maggior parte degli utenti. Le sue funzionalità comprendono innanzitutto strumenti per l’analisi dei contenuti in un’ottica di ottimizzazione SEO-friendly che aiutano gli autori a scrivere testi che includano le keyword più efficaci.

All’analisi dei contenuti è stata poi associata quella delle leggibilità, perché un testo comprensibile agli esseri umani è anche un testo accessibile ai motori di ricerca. Per ciascun contenuto è possibile visualizzare un’anteprima di come verrà mostrato su Google, dispositivi mobile compresi.

Yoast SEO consente inoltre di generare delle sitemap con cui suggerire la struttura del proprio sito Web ai motori di ricerca, di impostare in modo corretto i meta-tag che vengono scansionati dai crawler che analizzano i contenuti in rete nonché di creare dei template per titoli e meta descrizioni attraverso cui garantire la coerenza delle informazioni proposte a Google e altre piattaforme simili.

Il plugin offre poi delle soluzioni utili a migliorare le prestazioni delle pagine Web, anche in considerazione del fatto che i tempi di caricamento dei contenuti sono diventati un criterio fondamentale per il posizionamento. Ciò avviane grazie ad un sistema di gestione dei dati che alleggerisce il peso delle richieste inviate al database di WordPress durante la navigazione.

Rank Math SEO 

Rank Math SEO è un plugin WordPress che si segnala innanzitutto per essere stato il primo ad utilizzare l’Intelligenza Artificiale, questo consente di accedere a funzionalità per l’ottimizzazione che prima non sarebbero state disponibili, come per esempio un sistema di smart automation con cui generare contenuti concepiti nativamente per il posizionamento.

L’estensione genera dinamicamente dei suggerimenti per rendere le proprie pagine SEO-friendly e fornisce delle raccomandazioni su cosa è bene fare e non fare per garantirsi una posizione migliore tra i risultati di ricerca. Vengono inoltre offerti dei consigli riguardanti l’inserimento dei link e sulle keyword da utilizzare, anche in base alle relazioni tra parole chiave.

Il plugin consente di configurare facilmente il Google Schema Markup, cioè i dati strutturati che permettono al motore di comprendere i contenuti di una pagina. Tali dati devono essere messi a disposizione tramite un formato standardizzato con cui classificare i contenuti e, dato che è necessario rispettare delle specifiche tecniche per la conformità con lo standard, definirli manualmente può risultare impegnativo nonché costoso in termini di tempo.

E possibile ottimizzare un numero indefinito di keyword per ciascun post, come impostazione predefinita queste possono essere al massimo cinque ma si può modificare tale vale tramite degli appositi filtri. Disponibile anche l’integrazione completa con la Google Search Console e le statistiche di Google Analytics.

All in One SEO

Più che un plugin All in One SEO è un pack vero e proprio, che permette di ottimizzare un sito Web WordPress per i motori di ricerca attraverso il SEO workflow più adatto al proprio progetto. Pensata per semplificare il lavoro di piccole aziende, esperti di posizionamento, operatori di marketing e sviluppatori, l’estensione è comunque adatta anche a chi non possiede competenze avanzate in tema di SEO.

La configurazione del plugin richiede appena 10 minuti, una volta superata questa fase si hanno a disposizione tutti gli strumenti necessari per la gestione delle keyword, la definizione dei meta-tag, la pubblicazione di una sitemap e l’integrazione sia con la Search Console di Google che con i Webmaster tool dell’azienda californiana.

Uno dei maggiori punti di forza di questa soluzione è il TruSEO score, funzionalità grazie alla quale è possibile ottenere un’analisi dettagliata del livello di ottimizzazione delle pagine Internet. TruSEO score fornisce anche una checklist dedicata alla SEO che consente di individuare e utilizzare le parole chiave più corrette per ciascun contenuto in modo da ottenere il massimo livello di traffico possibile. 

E’ possibile integrare All in One SEO con tutti i principali social media (Facebook, Twitter, Pinterest, YouTube, LinkedIn, Instagram e non solo), è stato sviluppato inoltre per essere conforme non soltanto con le specifiche di Google ma anche con quelle di altre piattaforme che potrebbero portare visitatori, come per esempio Bing, Baidu (per il mercato cinese) e Yandex (per la Russia).

The SEO Framework 

Forte di una valutazione pari a 5 punti su 5 da parte dei propri utilizzatori, The SEO Framework è un plugin concepito anche per tutti coloro che hanno testato altre estensioni per la SEO e non ne sono stati soddisfatti, tra le sue funzionalità vi è infatti anche uno strumento che consente di migrare i local SEO data del proprio sito Web con una procedura che richiede circa 5 minuti e permette di importare meta-dati, URL canonici. URL per i redirect e molto altro.

The SEO Framework è compatibile con le API (Application Programming Interface) di WordPress e questa caratteristica lo rende un plugin affidabile dal punto di vista della sicurezza con la possibilità di integrarsi con qualsiasi altra estensione venga installata in un sito Web. Minori problematiche di incompatibilità di traducono inoltre in pagine più veloci da caricare.

L’estensione è in grado di proteggere automaticamente un progetto basato su WordPress da quegli errori che lo renderebbero meno SEO-friendly, identifica ad esempio i contenuti duplicati che potrebbero essere interpretati come spam e tiene conto di tutti gli elementi che potrebbero rappresentare una violazione delle linee guida di Google, Bing e degli altri motori di ricerca.

Anche in questo caso abbiamo un elevato livello di integrazione con i social media e i loro protocolli, come Open Graph id Facebook e le Twitter Card, senza dimenticare piattaforme sempre più utilizzate come Discord e Pinterest. Non mancano infine funzionalità pensate per l’accessibilità che, oltre a rappresentare un criterio di posizionamento, permette di estendere il proprio pubblico a tutti coloro che per navigare utilizzano ausili come gli screen-reader.

Conclusioni

WordPress mette a disposizione numerosi plugin per la SEO, per identificare quello più adatto al proprio progetto e consigliabile testare almeno i più popolari e collaudati, in modo da valutarne l’impatto sul posizionamento di un sito Web tra i risultati dei motori di ricerca.

Questo articolo è stato scritto da

Claudio Garau

Claudio Garau

Web developer, Database Administrator, Linux Admin e copywriter specializzato in contenuti sulle tecnologie orientate a Web, mobile, sicurezza e marketing online per sviluppatori, PA e aziende

Articoli correlati