Dall’ottimizzazione SEO all’analisi dei KPI, passando per la Marketing Automation: le 5 competenze fondamentali per mettere a punto una strategia digitale.

Una strategia digitale non è una mera somma di operazioni – un buon sito, presenza sui social, calendario di newsletter e così via –, ma un vero e proprio piano di attività, distinte ma comunicanti tra loro, sviluppate e articolate al loro interno.

Perché nulla è efficace senza una strategia ragionata che si avvalga di competenze e strumenti. Oggi vogliamo accompagnarti tra le cinque aree fondamentali di digital marketing, per esplorarne i tratti essenziali, darti alcuni suggerimenti e offrirti uno sconto del 10% sul corso online Digital Strategy & Web Marketing di Ninja Academy.

1. Ottimizza in ottica SEO

I motori di ricerca, lo sappiamo, sono un fondamentale avamposto per marcare la propria presenza sul web. Un dato per dare le dimensione del fenomeno: il 71% delle ricerche B2B inizia proprio con una ricerca generica (Google, 2015). Per ottimizzare sito e contenuti per i motori di ricerca sono necessari studio, intuizione e aggiornamento. Ecco alcuni consigli:

  • Sfrutta Google Trends, Google Keyword Planner, SEMrush
    Sono strumenti gratuiti dall’enorme potenziale, perché ti consentono di identificare keyword e argomenti di tendenza su cui concentrare le attività.
  • Tieniti aggiornato sul tuo settore
    Migliorare significa conoscere l’ambito in cui si opera (riferimenti, modelli, obiettivi, realtà in competizione). Per questo rimanere aggiornato sulle novità e i trend del settore, per poi cavalcarli e raccontare il proprio prodotto, consente di migliorare la percezione del brand e aiutare il posizionamento, grazie ad agganci con argomenti dagli alti volumi di ricerca.
  • Ottimizza la tua strategia di content marketing:
    • prestando attenzione a URL, titoli e sottotitoli
    • Inserendo le keyword nel nome e nel testo alternativo delle immagini
    • Ottimizzando meta title e meta description.

2. Adotta gli strumenti di Marketing Automation

L’automation non è semplicemente una a tecnologia che permette di risparmiare tempo automatizzando il flusso di comunicazioni; è un fondamentale strumento di targeting e personalizzazione dei contenuti.

Mettere a punto una strategia di Marketing Automation significa sfruttare dati anagrafici e di comportamento del cliente per inviare a quest’ultimo campagne multicanale di email e SMS, sempre rilevanti, ritagliate sulle sue specifiche esigenze, interessi e attitudini.

Fondamentale per coltivare ogni momento del customer journey – dall’iscrizione al primo acquisto, fino alle strategie di fidelizzazione –, la Marketing Automation è una tecnologia a portata di tutti: per mettere a punto un workflow bastano poche operazioni drag & drop. Trovi una guida pratica nell’ebook Teoria e pratica di Marketing Automation, oltre a basi teoriche, metodologie e case study reali.

Scarica l'ebook di Marketing Automation

3. Crea una strategia di Community management

Una strategia di community management e social media marketing non si improvvisa. Richiede strategia, analisi e creatività. Ma soprattutto costanza, per non rendere estemporanee le campagne, anche le più efficaci. In estrema sintesi, ecco alcuni punti fondamentali di una strategia di community management:

  1. Ascoltare il target
    Comprendere interessi, gusti e abitudini delle persone a cui ci si vuole rivolgere rappresenta l’attività preliminare.
  2. Tracciare il profilo dell’utente
    Inizia definendo i dati demografici chiave: età, sesso, occupazione, reddito, hobby e interessi. Una volta tracciati 3-4 di modelli di utente, metti a punto profilazioni più sottili e precise.
  3. Definire il calendario editoriale
    Un fondamentale strumento per avere uno sguardo d’insieme sui contenuti e comprendere quali sono meritevoli di ulteriore sviluppo in termini di investimenti e creatività.
  4. Creare contenuti originali
    I contenuti sono il frutto di una strategia social di successo. Opta sempre per la qualità, con contenuti aggiornati (come abbiamo detto, fondamentali anche in ottica SEO) e originali. Alcuni esempi? Blog post, gallery, ebook, white paper, guide, infografiche, video, case study e così via.
  5. Scegliere i canali giusti
    Presidia solo i social che possono darti un reale vantaggio. Dunque, prima di impegnarti su più social, scopri su quali canali è più attivo il tuo modello di target, così da focalizzarti su una comunità ben individuata.
  6. Analizzare i risultati
    Migliorare significa conoscere pregi e difetti delle precedenti attività e campagne: una grossa mano te la daranno gli Analytics delle singole piattaforme (Twitter Analytics, Facebook Page, Audience e Domain Insights) e Google Analytics.

4. Integra il Video Content Marketing

Uno studio di Aberdeen ci dice che i brand che utilizzano i video incrementano i propri ricavi 49% più velocemente di chi non li utilizza. Inoltre, si è calcolato che il video advertising nel 2017 occuperà il 69% del traffico dedicato ai consumatori.

Anche in questo caso, la corsa al video content marketing non deve andare a scapito della qualità e della rilevanza. Dietro alla realizzazione di un video ci sono competenze tecniche e di scrittura: prima del ciak, metti a punto uno storyboard che sappia identificare e prevedere bisogni e interessi del tuo pubblico. Per farti un’idea, dai un occhio alle due serie di MailUp Video Academy

In una strategia di Video Content Marketing la landing page si rivela uno strumento fondamentale, capace di trainare le conversioni. Ecco un esempio tratto da una campagna di Adobe Creative Cloud, semplice quanto efficace.

La landing page di Adobe

5. Analizza performance e risultati

Non si tratta di un’appendice alla strategia, ma di una parte integrante e decisiva: l’analisi dei risultati consente di mettere a fuoco cosa funziona, per migliorarne ulteriormente le prestazioni, e cosa non funziona, per modificarne i connotati o lasciarla cadere del tutto.

Un approccio basato sui dati consente di risparmiare risorse di tempo e investimenti, dal momento che permette di identificare meglio il reale target. Soprattutto considerando che le attività di customer loyalty, quelle cioè su un target ben delineato, prevedono costi 5/10 volte inferiori a quelli legati all’acquisizione di un nuovo cliente (PricewaterhouseCoopers).

Per tutte le metriche o KPI (key performance indicators, indicatori di successo) di email marketing, ti consigliamo questo post: 10 punti per smettere di prendere decisioni “a braccio” e imparare a individuare, monitorare e analizzare le metriche più adatte.

A lezione di digital marketing

Per dotarsi delle competenze necessarie, sia strategiche che operative, servono buoni maestri. Per questo MailUp ti offre il 10% di sconto sul corso Digital Strategy & Web Marketing di Ninja Academy. Un percorso didattico per imparare a:

  • Progettare una strategia digitale a 360° gradi
  • Adattare il modello di business della tua impresa per massimizzare l’impatto positivo del digitale
  • Adottare la logica del Digital Marketing Funnel ed ottimizzare i tassi di conversione
  • Padroneggiare le nozioni basilari del SEO e migliorare la tua visibilità sui motori di ricerca
  • Progettare piani editoriali per i Social Media ed accrescere la tua audience
  • Pianificare campagne Social efficaci ed efficienti

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

Digital Marketing: cresce la spesa per l’80% delle aziende. Ecco come investiamo

Netcomm ha fatto il punto su come le imprese e-commerce e retail italiane investono in canali, approcci e tecnologie digitali. L’Email Marketing? Il più usato ...

Continua a leggere

Come gli e-commerce possono trarre vantaggio dall’intelligenza artificiale

L'utilizzo dell'AI semplifica i processi e contribuisce ad aumentarne precisione ed efficacia, incrementando i ricavi. Vediamo alcune possibili applicazioni per uno store online. L'intelligenza artificiale non ...

Continua a leggere

5 passaggi fondamentali per il lancio del tuo nuovo sito web

I siti web sono diventati una delle risorse più preziose di un'azienda, tanto che anche le piccole imprese con negozi fisici necessitano di una propria ...

Continua a leggere

Le 10 migliori applicazioni per aumentare la produttività

Per organizzare il tempo, tracciare i progressi e molto altro. Vediamo le applicazioni del momento per ridurre le perdite di tempo e migliorare l'efficienza. Tutti vogliono ...

Continua a leggere

L’e-commerce in Italia: dove siamo e come stiamo evolvendo

In Italia i margini di crescita di un nuovo retail e di nuovi negozi che mescolano online e offline sono potenzialmente più alti che in ...

Continua a leggere

Nuova Video Academy: Email & E-commerce con Giovanni Cappellotto

Chi lavora nel mondo e-commerce lo sa bene: il canale Email è il pilastro su cui poggia l'acquisizione del traffico allo store - e molto ...

Continua a leggere