Sorta di vetrine virtuali pensate per piccole e medie imprese, i Facebook Shops consentiranno agli utenti di consultare, scegliere, ordinare prodotti e servizi direttamente sulla piattaforma.

Si chiama social commerce, e consiste nella possibilità per un utente di acquistare prodotti e servizi attraverso i social media, al tempo stesso condividendo con gli altri utenti la propria esperienza.

Tante delle novità che le piattaforme social stanno introducendo in tempi recenti hanno proprio a che fare con il social commerce.

Nel 2019, più di 1 utente su 3 ha dichiarato di utilizzare queste piattaforme per cercare informazioni sul loro prossimo acquisto.

Se i social media sono sempre più il luogo dove si va in cerca di ispirazione, dove ci si fa un’idea del prodotto, ora le piattaforme stanno diventando il luogo dove acquistare quel prodotto.

L’ultimo grande passo in questa direzione l’ha compiuto Facebook, lanciando un teaser di Facebook Shops, sorta di vetrine virtuali che aiutino le piccole e medie imprese ad aumentare le vendite in un momento storico non semplice per gli acquisti in store.

Facebook Shops: di cosa si tratta

I Facebook Shops consistono in veri e propri negozi online. Il set di funzionalità consentirà alle aziende di dare vita a un unico negozio digitale a cui i clienti avranno accesso tramite Facebook e Instagram.

Indipendentemente da business, offerta, dimensioni e budget, ogni realtà avrà la possibilità – gratuitamente – di mettere in mostra i propri prodotti e servizi, consentendo all’utente di consultare, scegliere, ordinare. L’acquisto vero e proprio sarà però finalizzato sul sito web del negozio.

Non si sa ancora in quali Paesi Facebook Shops sia già attivo, ma è molto probabile che tutto avrà inizio negli Stati Uniti. 

Sarà Facebook stesso ad avvertire della nuova possibilità, fornendo il link per lo Shop Builder, un’estensione degli strumenti di gestione della Pagina. Qui sarà possibile inserire i prodotti all’interno dello shop uno ad uno, oppure importare l’intero catalogo direttamente dall’e-commerce. A questo proposito Facebook sta stringendo partnership con Spotify, WooCommerce, ChannelAdvisor, CedCommerce, Cafe24, Tienda Nube e Feedonomics.

“A partire da oggi, inizieremo un lancio graduale degli shop per le aziende di tutto il mondo su Facebook e Instagram Shopping. Inizieremo prima con le attività che utilizzano Instagram Shop e amplieremo l’accesso nei prossimi mesi. Le aziende idonee riceveranno un’email quando lo shop sarà pronto per la personalizzazione”.

Le messaging apps faranno da ponte tra cliente e brand

Se la “visita” dello shop e la ricerca di prodotti e offerte avverrà sulla pagina Facebook o sul profilo Instagram dell’azienda, l’eventuale contatto avverrà tramite le piattaforme di instant messaging.

Si potrà chiedere aiuto a qualcuno (l’equivalente del commesso), inviando messaggi tramite WhatsApp, Facebook Messenger o Instagram Direct.

Mark Zuckerberg ne parlò nel 2016 in occasione del F8 di Facebook: “L’instant messaging sta per diventare la più grande piattaforma in grado di aiutare gli utenti a collegarsi con tutti i tipi di servizi in modo nuovo”. Su che base lo affermava? I numeri, quei 30 miliardi di messaggi inviati ogni giorno da oltre due miliardi di utenti attivi in tutto il mondo.

Per convertire il potenziale delle messaging apps in strategia di marketing e comunicazione, MailUp mette a disposizione delle aziende un canale della piattaforma interamente dedicato: si chiama Messaging Apps, e offre un set di strumenti e funzioni con cui creare, inviare, tracciare e automatizzare messaggi per Facebook Messenger e Telegram.

La possibilità del live shopping

La novità tocca anche la dimensione dei live di Facebook: Menlo Park ha deciso di semplificare l’acquisto di prodotti che vengono mostrati e pubblicizzati durante i live.

In questo modo sarà possibile per negozi, brand o creator taggare i prodotti del loro Facebook Shops e poi lanciare il live: i prodotti saranno mostrati in coda al video. Sarà sufficiente un clic all’utente per per saperne di più e acquistare.

“Stiamo iniziando a testare queste funzionalità con alcune aziende su Facebook e Instagram, e nei prossimi mesi le lanceremo in modo più esteso”.

I due target di Facebook Shops: i piccoli negozi e il marketplace

Come detto, Facebook Shops nasce come aiuto ai piccoli imprenditori costretti tra molteplici difficoltà a causa della pandemia. Per dirla con le parole di Facebook: “In questo momento molte piccole imprese stanno lottando e, con la chiusura dei negozi, altre stanno cercando di portare le loro attività online. Il nostro obiettivo è rendere lo shopping senza soluzione di continuità e consentire a chiunque, da un piccolo imprenditore a un marchio globale, di utilizzare le nostre app per connettersi con i clienti.”

Questa la contingenza, ma è chiara la volontà di Facebook di entrare prepotentemente nel mondo dei marketplace. La nuova funzionalità – ricordiamolo, gratuita, al contrario di Amazon ad esempio, dove si paga sia l’account sia la percentuale sulle vendite – potrebbe in futuro aprire scenari di guadagno per Facebook. Soprattutto se, come si sente dire, nei prossimi mesi la piattaforma dovrebbe introdurre ovunque la possibilità di pagamento diretto del prodotto.

Un modo per ritagliarsi una fetta di mercato nello shopping online, insinuandosi tra Amazon, Alibaba e Ebay.

Per concludere

Come anticipato, Facebook Shops segna un’ulteriore tappa di un percorso che nei prossimi mesi vedrà ulteriori nuove feature a Menlo Park:

  • Instagram Shop, che a partire da quest’estate negli Stati Uniti permetterà di scoprire e comprare i prodotti attraverso Instagram Explore (e una nuova tab Shop all’interno del profilo Instagram del venditore).
  • Live Shopping Feature, una funzionalità che permetterà agli utenti di scoprire un prodotto attraverso un tap su, ad esempio, un video che stanno guardando.
  • Loyalty program, una funzionalità che permetterà ai venditori di connettere il proprio programma di loyalty al profilo Facebook del consumatore in modo da potergli offrire un luogo in cui controllare i punti guadagnati o redimere premi.

Insomma, notizie definitive su Facebook Shops sono ancora a venire, ma una cosa è certa: la funzione rappresenta una novità molto interessante per molte realtà commerciali. Non resta che attendere per conoscere più in profondità i vantaggi della frontiera – al momento la più avanzata – del social commerce.

Se sei arrivato fin qui, forse potrebbe interessarti anche:

Il retail nelle settimane dell’emergenza: cosa sta succedendo e gli scenari a venire
Due studi sulla Gen Z, per capire chi è e come giudica l’innovazione di un brand
Un primo punto sull’impatto del Covid-19 tra e-commerce e media
Micro-influencer e organic influencer: chi sono e i motivi della loro ascesaIl nostro contributo per superare le distanze

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

E-commerce: l’ebook che ti aiuta a vendere online con email e SMS

Scopri come vendere online con email e SMS partendo dalla convergenza dei dati sul tuo e-commerce e utilizzando le informazioni sui clienti per creare flussi ...

Continua a leggere

L’evoluzione della personalizzazione nelle email: il caso Iperal

Perché si parla così tanto di omnicanalità e customer centric method? Continuiamo a leggere articoli focalizzati su omnichannel, single customer view e personalization con evidenze ...

Continua a leggere

Come la reputazione del dominio del mittente influisce sulla deliverability

Un’email commerciale su cinque non raggiunge la posta in arrivo del destinatario (Return Path). Una tra le principali cause è la reputazione del mittente. Vediamo ...

Continua a leggere

La checklist di settembre per le tue attività di Email Marketing

Con l'inizio dell'estate, i clienti tendono a rilassarsi e molte attività di web marketing vengono messe in standby. Ora che le vacanze sono finite è ...

Continua a leggere

Email mobile-friendly, responsive o dal design ibrido: ecco le differenze

L'Email Marketing ha saputo adattarsi a numerosi cambiamenti; uno tra tutti: l'avvento del mobile. Per rispondere alle nuove esigenze di progettazione delle email sono stati ...

Continua a leggere

Evita di finire tra lo spam con questi tips di email design

Se le email che invii al tuo database finiscono nella casella di posta indesiderata dei tuoi contatti, le probabilità che le persone conoscano le tue ...

Continua a leggere